Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Le Cavallerizze, un nuovo spazio al Museo della Scienza di Milano
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Focus

24/3/2016

Le Cavallerizze, un nuovo spazio al Museo della Scienza di Milano

Recuperate due strutture storiche del complesso museale: le scuderie costruite a metà Ottocento, quando l'edificio era adibito a caserma militare. Ospiteranno mostre, installazioni ed eventi

il nuovo spazio delle Cavallerizze del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia
il nuovo spazio delle Cavallerizze del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia

Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" di Milano presenta “le Cavallerizze”, un nuovo edificio risultato di un intervento di recupero architettonico e riqualificazione urbanistica, finanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia. L’intervento, diretto dal Segretariato regionale per la Lombardia, in coordinamento con il Museo, è stato realizzato dall’architetto Luca Cipelletti ed è consistito nel recupero funzionale dei volumi esistenti e nella ricostruzione di quelli demoliti dai bombardamenti bellici con l’obiettivo di realizzare nuove aree espositive e servizi museali.

Le Cavallerizze sono strutture storiche incluse nel complesso museale, costruite attorno alla metà del XIX secolo quando l’edificio monumentale del museo, un ex monastero Olivetano, era adibito a caserma militare. Si trattava di due scuderie parallele con al centro il maneggio, costruiti sugli ex giardini conventuali: i bombardamenti del 1943 distruggono parte dell’edificio monumentale, radono al suolo la Cavallerizza meridionale e distruggono due campate di quella settentrionale, oggetto di intervento.

I finanziamenti messi a disposizione dal Mibact sono stati utilizzati per le spese di progettazione, architettonica, strutturale, impiantistica, sicurezza, di direzione dei lavori e per la realizzazione del primo lotto dei lavori, riguardante le opere strutturali, le predisposizioni impiantistiche e la bonifica del sito; il museo ha poi provveduto in proprio al reperimento di fondi per il completamento dei lavori.

«Siamo molto orgogliosi di presentare oggi un innovativo progetto di recupero», dichiara Fiorenzo Galli, direttore generale del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, «in chiave contemporanea delle Cavallerizze, un edificio della metà dell’Ottocento, che diventerà una delle icone del Museo e di Milano. Il nuovo spazio di 1.800 metri quadri ci consentirà di essere un soggetto ancora più attrattivo e inclusivo nel panorama culturale cittadino, nazionale e internazionale, ospitando grandi mostre, installazioni ed eventi. Questo intervento ha una valenza architettonica, urbanistica, sociale e si inserisce nel processo di rinnovamento del Museo, in corso negli ultimi quindici anni. Il progetto delle Cavallerizze si sviluppa nella cornice di una più ampia idea di rinnovamento e coinvolgerà anche le aree esterne e la piazza adiacente».

L’apertura al pubblico delle Cavallerizze è in programma in occasione della XXI Esposizione Internazionale Triennale di Milano, l’evento dedicato al design dal 2 aprile al 12 settembre, in cui il museo è stato invitato a partecipare insieme ad altre istituzioni culturali. Il coinvolgimento si concretizza nell’ospitare alcuni Paesi partecipanti a Triennale 2016, nella progettazione della mostra temporanea “Confluence” che interpreta il tema ispirante “Design after design” e proponendo, durante i weekend, il programma educativo “Fai da tech”, rivolto a giovani e famiglie.





iconaInserisci un nuovo commento




captcha