Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Focus » "Burridocumenta", vita e arte di Alberto Burri
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Focus

14/3/2018

"Burridocumenta", vita e arte di Alberto Burri

Una nuova area multimediale completa il progetto dei Grandi Musei dedicati all'artista a Città di Castello. La sezione ripercorre interamente la biografia e la vicenda creativa del maestro

Ex Seccatoi tabacco, Città di castello; foto: G. Basilico
Ex Seccatoi tabacco, Città di castello; foto: G. Basilico

La Fondazione Burri ha inaugura il 12 marzo una nuova sezione documentaria multimediale, “Burridocumenta”, a completamento del progetto dei Grandi Musei Burri a Città di Castello (Perugia). La nuova area arricchisce la visita delle tre raccolte museali della Collezione Burri: quella delle opere tra il 1948 e il 1985 collocata in Palazzo Albizzini e le altre due situate negli Ex Seccatoi del Tabacco dedicate rispettivamente ai Grandi Cicli degli anni Settanta - Novanta e all’intera Opera grafica.

La sezione – che fornisce innovativi strumenti multimediali per l'approfondimento dell’opera di Burri – ripercorre interamente la vita dell’artista, fin dalla sua nascita a Città di Castello il 12 marzo 1915, attraverso documenti autografi, riproduzioni di opere, di inviti, di cataloghi, di video e di film, sono documentate, con commento in italiano e inglese, le varie stagioni della sua opera, le molteplici esperienze in campo pittorico-plastico e architettonico, gli incontri con i critici e gli artisti, le mostre personali, le partecipazioni a rassegne internazionali e i testi specialistici che permettono la conoscenza approfondita dell'uomo e dell’artista.

La prima parte è strutturata in dieci proiezioni multimediali, che trattano gli esordi pittorici dell’artista, l'incontro con la realtà italiana del dopoguerra e l'avventura statunitense che porta Alberto Burri a essere uno dei maestri europei più esposti negli anni Cinquanta negli Stati Uniti, fino al confronto e all'amicizia con i principali protagonisti della scena internazionale. In questo contesto sono documentate le radicali esperienze pittoriche di Burri, il particolare e inedito uso di nuove materie – dal catrame alla tela di sacco, dal legno al ferro, dalle materie plastiche al cretto e al cellotex – l'uso di tecniche compositive che rinnovano quelle del collage e dell'assemblaggio fino all'impiego innovativo del fuoco, l'elaborazione del monocromatismo e i grandi Cicli degli ultimi anni della sua produzione. Vengono inoltre analizzati ancora altri aspetti del suo lavoro che riguardano la spazialità plastica, gli allestimenti sempre puntuali, il rapporto con il teatro e lo spazio architettonico ambientale.

La seconda parte si avvale delle moderne tecnologie informatiche e, attraverso l'uso di touch-screen, permette totale interconnettività con la consultazione di numerosi testi critici, storici, dépliant, riviste, cataloghi di mostre personali e di esposizioni collettive. L’ultima parte della sezione presenta, in una vera e propria biblioteca multimediale, vari documenti originali. Infine, in alcune sale attigue è possibile visionare video e film dedicati a Burri e alla sua opera: dai primi documenti televisivi ai film monografici, fino a quelli recenti, dedicati alla lettura di alcune sue opere e alla documentazione di spettacoli teatrali.

L'uso delle tecnologie più avanzate permetterà in seguito un continuo arricchimento delle varie parti di “Burridocumenta”, nonché la possibilità di rielaborazione del materiale esistente. I musei della Collezione Burri, la Biblioteca, l'Archivio storico e ora la sezione documentaria fanno di Città di Castello uno dei centri italiani più autorevoli dove studiare l'arte di Alberto Burri e l’arte contemporanea del Ventesimo secolo.



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha