Condividi
  • Facebook
  • Twitter
13/1/2010

Un anno con Pergolesi, genio della musica

Si celebra il trecentesimo anniversario della nascita del grande musicista. Per tutto il 2009 la natale Jesi e le altre città italiane e straniere legate alla sua arte ospitano concerti, rappresentazioni e altri eventi

Si apre l’anno dedicato a Giovanni Battista Pergolesi, il grande compositore morto a soli ventisei anni di tubercolosi di cui si festeggia il terzo centenario dalla nascita, avvenuta a Jesi il 4 gennaio del 1710. Autore di opere buffe, così come di musica sacra, Pergolesi si era distinto nel corso della sua breve esistenza in ambito romano e napoletano, per raggiungere poi un’incredibile fama postuma, trasformatasi quasi in leggenda in epoca romantica, quando la sua figura veniva esaltata da scrittori, poeti e artisti e la sua opera veniva addirittura paragonata a quella del pittore Raffaello Sanzio.



Nel segno di questo grande musicista, il cui noto capolavoro Stabat Materaveva destato un profondo interesse in Johann Sebastian Bach, sono iniziate le prime celebrazioni nel giorno del suo compleanno, il 4 gennaio, che ha visto la città natale risvegliarsi al suono dei brani più noti e amati. La Fondazione Pergolesi Spontini, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha previsto, difatti, una serie di appuntamenti e rassegne che si concluderanno nel 2011, dopo la straordinaria apertura ufficiale che si è tenuta lo scorso 5 giugno al Teatro Pergolesi, con Claudio Abbado e l’Orchestra Mozart, che torneranno nuovamente a esibirsi il 25 settembre.
 
La città di Jesi diventerà, così, lo scenario più consono per la rappresentazione integrale delle sue opere: verranno, difatti, rappresentate nel corso dell’anno sei opere teatrali, ovvero quattro drammi, due commedie e due intermezzi, e l’esecuzione dell’opera di musica vocale completa. Il programma sarà, inoltre, arricchito da iniziative didattiche che si svolgeranno in diverse città italiane ed estere, quali Napoli, Pozzuoli, Roma, Milano, Bologna, Parigi e Dresda, che hanno conosciuto la fama di questo grande compositore del Settecento.
 
Il 16 marzo, data della scomparsa del maestro, la Cattedrale di San Settimio di Jesi ospiterà il secondo appuntamentodella rassegna legato al ricordo di questo momento: in tale occasione, Fabio Bonizzoni dirigerà La Risonanza, ensemble specializzato in musiche del Seicento e del Settecento, che vedrà il soprano, Yetzabel Arias Fernandez e il mezzosoprano, Lucia Cirillo esibirsi nelle musiche di Vivaldi, Händel, Ferrandini e Pergolesi.
 
Dal 4 al 13 giugno, si svolgerà il Pergolesi Festival di Primavera, durante il quale verranno rappresentate Il Flaminio, Adriano in Siria, La Fenice sul Rogo, ovvero la morte di San Giuseppe, con ospiti d’onore e di fama internazionale, quali Ottavio Dantone, che dirigerà l'Accademia Bizantina ne Il Flaminio, (regia di Michal Znaniecki) e ne l'Adriano in Siria con gli intermezzi Livietta e Tracollo (regia di Ignacio Garcia), mentre il 13 giugno, l'Europa Galante sarà diretta da Fabio Biondi nell'oratorio La Fenice sul rogo, ovvero la morte di San Giuseppe.
 
L’inaugurazione della decima edizione del Pergolesi Spontini Festival, che avrà luogo dal 3 al 25 settembre a Jesi e in altre località nei pressi di Ancona, vedrà al Teatro Pergolesi la rappresentazione dell’opera Lo frate 'nnamorato, in scena il 3 e 5 settembre nel nuovo allestimento con la regia di Willy Landin; per il secondo appuntamento, è prevista invece l’opera L'Olimpiade al Teatro Moriconi, il 10 e 12 settembre, con la regia di Italo Nunziata: in entrambi gli spettacoli Ottavio Dantone dirigerà l'Accademia Bizantina. Il 9 settembre il Bach Consort Wien, diretto da Ruben Dubrovski, presenterà un programma di musiche dedicate a Pergolesi e a Bach e interpretate dal soprano Eleonora Buratto e dal mezzosoprano Michaela Selinger, mentre l'11 settembre andrà in scena il dramma sacro Li prodigi della divina grazia nella conversione e morte di San Guglielmo Duca d'Aquitania, rappresentato dal complesso da camera francese Les Talens Lyriques, con la direzione di Christophe Rousset.
 
Ad arricchire ancor di più la rassegna saranno alcuni appuntamenti in programma, tra cui quello a Maiolati Spontini il 4 settembre, con il tradizionale concerto d'organo, al Teatro La Fortuna di Monte San Vito il 17 settembre, con il Concerto con l'Orchestra della Scuola di Formazione del Progetto Sipario; ancora, al Teatro Comunale di Montecarotto, il 18 e 19 settembre, con La Servante Maîtresse in collaborazione con la Scuola dell'Opera Italiana di Bologna. Concluderà la decima edizione il concerto del 25 settembre, evento attesissimo, che vedrà nuovamente Claudio Abbado e l'Orchestra Mozart esibirsi al Teatro Pergolesi con un programma di musiche pergolesiane, tra cui spiccherà lo splendido Stabat Mater.
 
Nell'ambito della 43ª Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi, prenderà vita il Pergolesi Festival d'Inverno, che si aprirà con la rappresentazione, il 17 e 19 dicembre, de Il prigionier superbo, con gli intermezzi La serva padrona, che vedrà Corrado Rovaris dirigere l'Accademia Barocca dei Virtuosi Italiani, con la regia di Henning Brockhaus; per la data del 18 dicembre, è previsto un concerto con la musica strumentale di Pergolesi, che sarà eseguito da Alberto Martini, violino solista, e dai Virtuosi Italiani; ancora, in programma il 22 dicembre, è il concerto con le Cantate di Pergolesi eseguite dal soprano Roberta Invernizzi e dall'ensemble Il Giardino Armonico diretto da Giovanni Antonini; infine, ad inaugurare il 2011, sarà, il 14 e 16 gennaio, La Salustia, con Antonio Florio che dirige l'Orchestra della Pietà de' Turchini e la regia di Jean-Paul Scarpitta, mentre il 15 gennaio, la stessa Orchestra, anche in quest’o ccasione diretta da Florio, si esibirà nel concerto “Vero e falso Pergolesi”, con un programma che comprende musiche di Pergolesi, Gallo, Van Wassenaer e Provenzale.
Ritratto di G.B. Pergolesi (olio su tela, sec. XVIII). Sale Pergolesiane - Teatro G.B. Pergolesi, Jesi
Ritratto di G.B. Pergolesi (olio su tela, sec. XVIII). Sale Pergolesiane - Teatro G.B. Pergolesi, Jesi

torna all'inizio del contenuto