Condividi
  • Facebook
  • Twitter
24/6/2010

Una quadriga di luce sul Palazzo dei Congressi dell'Eur

Un’installazione luminosa ricostruisce virtualmente il gruppo scultoreo che avrebbe dovuto dominare la facciata dello storico edificio del quartiere Europa a Roma

Un’installazione ricostruisce virtualmente la quadriga che nel progetto originario avrebbe dovuto dominare il prospetto principale del Palazzo dei Congressi di Adalberto Libera all’Eur, il quartiere di Roma pensato per ospitareun’esposizione universale mai svoltasi a causa della Seconda Guerra Mondiale. L’opera, ideata dall’architetto Massimo Paperini e realizzata con il contributo delle immagini di Paolo Buroni, rimarrà in esposizione permanente a partire da oggi, 24 giugno.
 
L’iniziativa, voluta da Eur Spa, rientra in un più ampio progetto di valorizzazione e spettacolarizzazione del patrimonio architettonico dell’area: Eur teatro di luce”on scenografie virtuali fatte di proiezioni di luci e immagini le forme del complesso urbanistico razionalista, diventato uno dei simbolo architettonici del Novecento. . L’obiettivo è esaltare c
 
L’architettoMassimo Paperini ha compiuto una ricerca approfondita sull’edificio e sui suoi elaborati originali, pensando quindi a una ricostruzione virtuale, con funzione sia storica che decorativa, dei quattro cavalli sulla facciata, ai lati del basamento che avrebbe dovuto accogliere l‘ intero gruppo scultoreo ideato dall’artista Francesco Messina.



Il Palazzo dei Ricevimenti e dei Congressi, risalente al 1938 e completato solo nel 1954, rappresenta uno dei progetti di maggior interesse del quartiere per l’aspetto nobile ed elegante, la convivenza tra linee moderne e gusto classico, l’acutezza delle soluzioni architettoniche, la pulizia delle forme e la cura del dettaglio. Imponente col suo Salone dei Ricevimenti, la Sala dei Congressi (oggi Aula Magna, ristrutturata da Paolo Portoghesi), la Terrazza con giardini pensili e un Teatro all’aperto, il Palazzo è ricco anche di opere di artisti di rilievo del Novecento, da Achille Funi a Gino Severini ad Angelo Canevari.
 
Dallo studio dell’opera di Libera e dai disegni d’epoca, ha preso il via l’elaborazione grafica di Paolo Buroni,multivision designer che ha firmato in tutto il mondo grandiosi “affreschi elettronici”. Con l’uso di sofisticate tecnologie è stata realizzata, dall’azienda marchigiana Stark, nota a livello internazionale nel campo degli allestimenti visuali e interattivi, una doppia proiezione architetturale, che speciali proiettori faranno apparire dopo il tramonto.
Palazzo dei Congressi Eur, Quadriga, simulazione
Palazzo dei Congressi Eur, Quadriga, simulazione


In rete

torna all'inizio del contenuto