Condividi
  • Facebook
  • Twitter
17/12/2013

Antonello Fresu, il Novecento tragico

La Pinacoteca comunale Carlo Contini di Oristano presenta “Novecento”, un progetto artistico di Nero Projec - Antonello Fresu, a cura di Giannella Demuro e di Ivo Serafino Fenu, e realizzato in collaborazione con il Progetto Arti Visive (Pav)dell’Associazione culturale Time in Jazz. La mostra inedita, resta aperta al pubblico da venerdi 6 dicembre al 15 febbraio 2014. Il percorso espositivo intende rileggere il cosiddetto “secolo breve” attraverso le più importanti vicende belliche che lo hanno scandito come in una dolorosa “danza macabra”: emerge un fallimento della civiltà del secolo appena passato, che non ha potuto impedire guerre e stermini, e che, più di altri, può essere ricordato come il secolo delle grandi stragi. Le imponenti immagini che occupano le sale della Pinacoteca provengono dagli archivi dei maggiori musei mondiali di storia e di fotografia, da archivi privati d’epoca o dall’iconografia familiare delle riviste di propaganda del tempo, ma anche, le più recenti, dal serbatoio della “rete”, rielaborate attraverso la tecnica del “pop-up”, prettamente infantile, che Antonello Fresu ha adottato per descrivere l’amara disillusione dell’innocenza di fronte alla tragica brutalità del mondo.


In rete

torna all'inizio del contenuto