Condividi
  • Facebook
  • Twitter
14/8/2017

Da Lorenzo Monaco a Luigi Ontani, arte sull'Appennino bolognese

I Fienili del Campiaro di Grizzana Morandi (Bologna) ospitano dal 22 luglio al 17 settembre la mostra "Grizzana, Giorgio Morandi, Francesco Arcangeli: cinquant’anni dopo. Arte in Appennino da Lorenzo Monaco a Luigi Ontani”, curata da Angelo Mazza e Anna Stanzani. L’esposizione presenta una decina di incisioni di Giorgio Morandi, una trentina di dipinti antichi di notevole interesse, da Lorenzo Monaco a Giuseppe Maria Crespi, e alcune opere di Luigi Ontani, facendo anche dialogare tra loro fotografie storiche e recentissime dell’Appennino. La rassegna propone uno sguardo circolare che dal territorio grizzanese si estende al paesaggio dell'Appennino bolognese e alle sue mutazioni, per soffermarsi in particolare sui suoi beni storico-artistici e architettonici, e rende omaggio a tre grandi uomini legati in vario modo a Grizzana: Giorgio Morandi, colui che ha dato fama mondiale al piccolo paese; Francesco Arcangeli, il grande critico che studiò il patrimonio locale; e infine Andrea Emiliani, le cui campagne di rilevamento dei beni dell’Appennino alla fine degli anni Sessanta sono una pietra miliare per la storia della tutela e per uno sviluppo sostenibile del territorio. L’organizzazione è del Comune in collaborazione con l’Arcidiocesi di Bologna, la Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, il Polo museale dell'Emilia-Romagna e la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara.


torna all'inizio del contenuto