Condividi
  • Facebook
  • Twitter
18/5/2017

Le città fragili di Valery Koshlyakov

A Ca’ Foscari Esposizioni, a Venezia, è in corso (11 maggio - 29 luglio) un’ampia mostra dedicata all’artista russo Valery Koshlyakov (1962), pittore di successo internazionale presente in prestigiose collezioni, che torna in Laguna dopo la partecipazione alla Biennale del 2003: “Non smettiamo di costruire l’Utopia”, a cura di Danilo Eccher. La rassegna si concentra sui temi principali della sua ricerca: la città (anche con riferimenti alla Serenissima) e l’architettura. Edifici all’apparenza monumentali ed eterni nei suoi dipinti assumono l’aspetto di meravigliose e fragili macerie; che si tratti del Cremlino o di Notre Dame, del Colosseo o del Pantheon, di Place de la Concorde o di quella del Vaticano, dei frammenti di Pompei o delle architetture staliniane, le sue immagini sono sempre in bilico fra realtà e desiderio. Il catalogo è pubblicato da Silvana Editoriale.


torna all'inizio del contenuto