Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Le città fragili di Valery Koshlyakov
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Fotogallery

18/5/2017

Le città fragili di Valery Koshlyakov

A Ca’ Foscari Esposizioni, a Venezia, è in corso (11 maggio - 29 luglio) un’ampia mostra dedicata all’artista russo Valery Koshlyakov (1962), pittore di successo internazionale presente in prestigiose collezioni, che torna in Laguna dopo la partecipazione alla Biennale del 2003: “Non smettiamo di costruire l’Utopia”, a cura di Danilo Eccher. La rassegna si concentra sui temi principali della sua ricerca: la città (anche con riferimenti alla Serenissima) e l’architettura. Edifici all’apparenza monumentali ed eterni nei suoi dipinti assumono l’aspetto di meravigliose e fragili macerie; che si tratti del Cremlino o di Notre Dame, del Colosseo o del Pantheon, di Place de la Concorde o di quella del Vaticano, dei frammenti di Pompei o delle architetture staliniane, le sue immagini sono sempre in bilico fra realtà e desiderio. Il catalogo è pubblicato da Silvana Editoriale.

 





iconaInserisci un nuovo commento




captcha