Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Letteratura » Muore a Lisbona Tabucchi, addio allo scrittore innamorato di Pessoa
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare




Petition by iPetitions
 

Fotogallery

26/3/2012

Muore a Lisbona Tabucchi, addio allo scrittore innamorato di Pessoa

Il 25 marzo, è morto a Lisbona all’età di sessantotto anni, Antonio Tabucchi, scrittore, massimo esperto e traduttore dell’opera di Fernando Pessoa, autore di romanzi, racconti, saggi e testi teatrali di fama internazionale. Le opere del grande scrittore, nato a Pisa nel 1943, sono state, difatti, tradotte in quaranta lingue, compresi il giapponese, cinese, ebraico e dal 2000 è stato candidato dal Pen Club italiano al Nobel per la letteratura, ricevendo, inoltre, importanti riconoscimenti, tra cui il Premio letterario Frontiere-Biamonti 2010, il Premio Campiello e il Premio Viareggio-Rèpaci, nonché i numerosi premi in Francia, come il Prix Médicis Etranger per Notturno indiano, fino al Nossack dell’Accademia Leibniz in Germania, per arrivare, tra gli altri, a quello per la libertà di opinione “Francisco Cerecedo” assegnato annualmente dal Principe delle Asturie. Dal 1978, inizia ad insegnare all’Università di Genova, per divenire professore cattedratico presso l’Università di Siena e svolgere l’attività didattica presso rinomate università straniere. Dato il successo dei suoi romanzi, dalle sue opere sono stati tratti diversi film, a partire da Sostiene Pereira (Feltrinelli), vincitore del Premio Super Campiello, del Premio Scanno e del Premio Jean Monnet, che ha ispirato Roberto Faenza per il film omonimo, interpretato da Marcello Mastroianni e Daniel Auteuil, così come altri registi del calibro di Alain Corneau, Alain Tanner, Fernando Lopes o Giorgio Strehler e Didier Bezace per il teatro.  

 




Collegamenti

Metadati correlati In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha