Condividi
  • Facebook
  • Twitter
25/1/2013

Pedro Cano, viaggio nel Mediterraneo

La Fondazione Benetton Studi Ricerche di Treviso ospita dal 27 gennaio al 3 marzo, negli spazi Bomben, la mostra “IX Mediterranei” di Pedro Cano. Il pittore spagnolo (1944), specialista dell’acquerello, compie un percorso attraverso tre isole – Maiorca, Patmos, Sicilia – e sei città: Alessandria d’Egitto, Cartagena, Istanbul, Napoli, Spalato e Venezia, nove simboli del Mediterraneo, nove luoghi del mito, ritratti ciascuno in sei opere per un totale di cinquantaquattro carte. Ad Alessandria l’artista si misura con ritratti di Alessandro Magno e mappe del porto; a Cartagena con l’iconografia di tonni e polipi; a Istanbul incontra l’architettura cristiana e islamica. Di Maiorca offre una rappresentazione del paesaggio interno, in cui non si vede il mare; Napoli è rappresentata dalla Smorfia mentre Patmos dalle ghirlande. In Sicilia il confronto è con la scultura antica: la Venere di Siracusa e il Satiro Danzante; a Spalato case e palazzi assumono forme labirintiche; Venezia ha i colori malinconici della laguna. L’artista parteciperà col pubblico adulto a una visita guidata il 27 gennaio a partire dalle 11, mentre alle 16 incontrerà bambini e famiglie. Terrà, inoltre, un corso di acquerello per bambini nei pomeriggi di lunedì 28 e martedì 29 gennaio e uno per adulti giovedì 31 gennaio, venerdì 1 e sabato 2 febbraio.


torna all'inizio del contenuto