Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Foto » “La sostanza del ricordo”, incontro tra Andrea Cereda e Alessandro Costanzo
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Fotogallery

25/6/2018

“La sostanza del ricordo”, incontro tra Andrea Cereda e Alessandro Costanzo

La Galleria Bonioni di Reggio Emilia presenta, dall’8 giugno all’8 luglio, “La sostanza del ricordo”, doppia mostra personale di Andrea Cereda e Alessandro Costanzo, curata da Matteo Galbiati. La rassegna mette a confronto le esperienze dei due artisti selezionati dalla Galleria nell’ambito di Arteam Cup 2017: nonostante percorsi differenti, i due riescono a “incontrarsi”, svelando inattese affinità poetiche e analogie di visione. Andrea Cereda presenta una selezione di opere a parete e da appoggio composte da una pluralità di elementi, tutte realizzate dal 2015 a oggi. Per i suoi lavori utilizza prevalentemente ferri e lamiere recuperati da vecchi bidoni industriali, combusti, assemblati e tenuti insieme da saldature “urgenti”, materiali che evidenziano la storia e la memoria della materia, con riferimento alle dinamiche umane, come ad esempio la necessità di adattarsi e trasformarsi per sopravvivere. Alessandro Costanzo espone una serie di lavori a parete di medie e grandi dimensioni, riferibili al biennio 2017-2018. La sua ricerca, tesa all’approfondimento dell’idea di luogo inteso come spazio intimo, con particolare attenzione ai legami, ai flussi e all’osservazione delle masse, si caratterizza per la stratificazione dei materiali, la finitura con cera d’api e l’applicazione di piccoli frammenti di carta, che si sollevano dal supporto occultando una porzione del dipinto. Come spiega il curatore, «in entrambi la scelta di esprimersi rispettivamente con la scultura e con la pittura, mezzi tradizionali, ritrova inedite modalità formali, evidenziando una comune attitudine e convergenza a rinnovarne i codici espressivi e a contaminarne le azioni, portando alla verità di opere che sommano i modi e i mondi di entrambi i linguaggi». Completa la mostra un catalogo Vanillaedizioni con un testo di Galbiati e con un ricco apparato iconografico.

 




Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha