Condividi
  • Facebook
  • Twitter
9/5/2018

"Lo sguardo di Michelangelo", Antonioni incontra il "Mosè"

Dall’11 maggio al 15 settembre 2018, la Cripta di San Sepolcro a Milano accoglie “Lo sguardo di Michelangelo”, un cortometraggio di quindici minuti di Michelangelo Antonioni, prodotto dall'Istituto Luce e da Lottomatica. Il film, realizzato dal regista ferrarese nel 2004, tre anni prima della sua scomparsa, può essere considerato una sorta di suo testamento spirituale. L’iniziativa, curata da Giuseppe Frangi, prodotta da MilanoCard e Casa Testori, promossa dalla Veneranda Biblioteca Ambrosiana, col patrocinio dell’Associazione Michelangelo Antonioni, sostenuta dalla Regione Lombardia e dal Comune di Milano, racconta l’esperienza dell’incontro tra il regista e il “Mosè” di Michelangelo Buonarroti conservato nella basilica di San Pietro in Vincoli a Roma. Lo sguardo di cui si parla nel titolo è quello del regista che entra camminando nella penombra della chiesa, si arresta e rimane immobile, quasi sopraffatto, di fronte al capolavoro del Buonarroti, scrutandone i particolari e soffermandosi sull’espressione del profeta. In questa sua visita, Antonioni entra in completa simbiosi con la scultura, muovendo delicatamente il braccio fino a sfiorarla con la mano per coglierne lo spirito. Il percorso espositivo è arricchito da alcuni ritratti fotografici del Mosé realizzati da Aurelio Amendola.


torna all'inizio del contenuto