Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » "Senza titolo 2005" di Kounellis alla Statale di Milano
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Fotonotizia

22/2/2018

"Senza titolo 2005" di Kounellis alla Statale di Milano

Jannis Kounellis, Senza titolo, 2005, 540cm (altezza)
Jannis Kounellis, Senza titolo, 2005, 540cm (altezza)

Dal 20 febbraio è esposta in permanenza all’Università degli studi di Milano Senza titolo 2005, opera di Jannis Kounellis – uno dei massimi rappresentanti dell’Arte Povera, scomparso un anno fa – concessa in comodato gratuito all’Ateneo dalla Fondazione Arnaldo Pomodoro. L’opera si presenta come una lunga putrella di ferro, montata in verticale, che occupa in altezza tutto lo spazio, dal pavimento al soffitto; sulla sua sommità è adagiata una grande risma di fogli da disegno, che piegandosi naturalmente verso il basso formano una sorta di capitello. Il ferro, come materiale grezzo e industriale e la struttura della putrella, come elemento che evoca la costruttività, ricorrono spesso nel lavoro di Kounellis, mentre i fogli da disegno rimandano all’attività tradizionale dell’artista. Realizzata appositamente per gli spazi della prima sede della Fondazione Pomodoro e alta 5,4 metri, l’opera si inserisce nell’architettura del nuovo spazio che la ospita in Statale, progettato da Piero Portaluppi nei primi anni Cinquanta. Senza titolo 2005 si aggiunge alle importanti testimonianze di arte del Novecento, da Wildt a Fontana, già presenti nella sede centrale dell'Università e va ad arricchire la collezione permanente d'arte contemporanea avviata negli ultimi anni grazie al progetto La Statale Arte, che comprende già i lavori di Nanda Vigo, Mikhail Ohanjanian e Paolo Icaro e che nasce proprio per valorizzare la suggestione del colloquio tra la monumentalità dell’architettura della Ca’ Granda e le interpretazioni del presente, favorendo la più ampia diffusione dell’esperienza artistica.



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha