Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Conegliano: Teodoro Wolf Ferrari, un paesaggista moderno
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Notizia

9/2/2018

Conegliano: Teodoro Wolf Ferrari, un paesaggista moderno

Dal 2 febbraio al 24 giugno è visibile la mostra “Teodoro Wolf Ferrari. La modernità del paesaggio”, curata da Giandomenico Romanelli con Franca Lugato, allestita negli spazi di Palazzo Sarcinelli a Conegliano (Treviso). Oltre 70 opere, tra le quali dipinti, acquarelli, pannelli decorativi, vetrate, studi per cartoline, ripercorrono l'intera vicenda artistica di Teodoro. Dall'esperienza a Monaco e in Germania al fondamentale confronto con l'ambiente veneziano, in particolare di Ca' Pesaro, con opportuni confronti con Gino Rossi e Ugo Valeri, evidenziando la sua evoluzione stilistica e il suo costante sperimentalismo, tipico di quella Secessione che animava l'inizio del '900. Le componenti dell'arte di Teodoro, quella böckliniana, quella sintetista e infine quella klimtiana, sono tutte individuate all'interno del percorso che si snoda lungo nove sezioni: “Nell'aura di Böcklin”, “Brughiera a Luneburgo”, “Tempeste dall'Isola dei morti”, “Con i giovani di Ca' Pesaro”, “Riflessi nell'acqua”, “Come Klimt. Betulle e salici”, “Una passeggiata dal Grappa al Piave”. Ad accompagnare il visitatore lungo le sale è stato creato un percorso sonoro, realizzato attraverso i brani del compositore, fratello di Teodoro, Ermanno Wolf Ferrari (Venezia, 1876-1948).




iconaInserisci un nuovo commento




captcha