Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Umbria » Gubbio: Il Palazzo Ducale si arricchisce otto dipinti di Taddeo di Bartolo
Esplora

Regioni

Umbria Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Notizia

16/11/2017

Gubbio: Il Palazzo Ducale si arricchisce otto dipinti di Taddeo di Bartolo

Il Palazzo Ducale di Gubbio (Perugia) si arricchisce di otto dipinti di Taddeo di Bartolo (1362-1422), otto tavolette realizzate a tempera su fondo oro, originariamente appartenute al polittico della Chiesa di San Domenico di Gubbio, che raffigurano otto santi, San Pietro martire, beato Ambrogio Sansedoni, due Santi Vescovi, San Luca, San Matteo, Santo Stefano, San Tommaso d’Aquino. Gli altri elementi superstiti della grande pala si trovano oggi tutti in musei americani: al Fogg Art Museum di Cambridge (MA) la Madonna col Bambino, al Memphis Brooks Museum of Arts e al New Orleans Museum of Arts due scomparti con una coppia di santi ciascuno. Come afferma Marco Pierini, direttore del Polo Museale dell’Umbria, «il ritorno delle tavolette rappresenta un importante, seppur parziale, risarcimento per la città di Gubbio, che si vide depredata a metà Ottocento di una delle sue opere più significative». Gli otto santi mostrano le caratteristiche proprie dell’evoluzione dello stile di Taddeo di Bartolo nella tarda attività: sapiente fluidità di linee, accentuata resa dei volumi grazie al chiaroscuro, delicatezza nei lineamenti dei volti.



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha