Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Arti visive » Il Polo Museale della Calabria aderisce al progetto “Museo Navigante”
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Notizia

2/1/2018

Il Polo Museale della Calabria aderisce al progetto “Museo Navigante”

Il Polo Museale della Calabria – rappresentato dal Museo Archeologico dell’antica Kaulon di Monasterace (Reggio Calabria) e dal Museo Archeologico Nazionale di Capo Colonna di Crotone – ha aderito al Museo Navigante che ha la finalità di valorizzare il patrimonio culturale marittimo italiano e che da gennaio 2018, con l’inizio dell’Anno del patrimonio culturale Europeo, salperà, a bordo della goletta Oloferne, e farà rotta dall’Adriatico al Tirreno, con tappe in tutte le regioni costiere, per arrivare infine a Sète (Francia) in occasione della manifestazione “Escale à Sète” in rappresentanza dei musei italiani. Presso il Museo archeologico dell’antica Kaulon – Monasterace (Reggio Calabria) il percorso espositivo – come specifica la Direttrice Agostino illustra la storia della colonia magno-greca di Kaulonia dall’età di fondazione, ad opera dei crotoniati, fino ad età ellenistico-romana ed ospita anche reperti subacquei tra cui, ancore e resti di colonne lavorate da aree limitrofe all’odierno Museo situato a poca distanza dalla costa nei pressi di Punta Stilo caratterizzata dalla presenza del Faro. L’esposizione presenta per alcuni settori parziali ricostruzioni di edifici abitativi e sacri finalizzate ad una migliore lettura da parte del pubblico. Il Museo Archeologico Nazionale di Capo Colonna, invece, è suddiviso in tre sezioni principali dedicate la prima, “Terra”, ai resti dell’insediamento sorto sul promontorio in età romana, la seconda, “Sacro”, al santuario di età greca sviluppatosi sullo stesso luogo e, infine, una terza, “Mare”, destinata ad illustrare le problematiche dell’archeologia subacquea, espone una parte del carico di marmi trasportati dalla nave naufragata presso Punta Scifo e databile al III sec.d.C., oltre ad altre suppellettili rinvenute durante lo scavo del relitto e oggetti prelevati da altri contesti sottomarini.




iconaInserisci un nuovo commento




captcha