Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Musei » Napoli: “Carta bianca”, il museo soggettivo
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Notizia

29/11/2017

Napoli: “Carta bianca”, il museo soggettivo

“Carta bianca” è la sfida che, dal 12 dicembre al 10 giugno 2018, il Museo e Real Bosco di Capodimonte, a Napoli, propone a dieci personalità famose in diversi campi del sapere, con sensibilità, formazione, cultura, nazionalità e inclinazioni differenti. I dieci prescelti sono invitati a diventare curatori della loro “sala ideale” nel Museo, selezionando liberamente massimo dieci opere tra le 47mila opere conservate, avendo “carta bianca” con un solo obbligo: spiegare la propria scelta. La rassegna è ideata da Sylvain Bellenger e Andrea Viliani e allestita da di Lucio Turchetta: si tratta di una mostra-manifesto che sollecita il visitatore a riconsiderare l'idea del museo, come museo soggettivo per ciascuno di noi. I curatori delle dieci “carte bianche” sono: Laura Bossi Règnier, neurologa e storica della scienza; Giuliana Bruno, professore di Visual and Environmental Studies, Harward University; Gianfranco D’Amato, industriale e collezionista; Marc Fumaroli, storico e saggista, membro dell'Académie française; Riccardo Muti, direttore d'orchestra; Mariella Pandolfi, professore di Antropologia, Université de Montréal; Giulio Paolini, artista; Paolo Pejrone, architetto e paesaggista; Vittorio Sgarbi, critico e collezionista d'arte, scrittore, docente; Francesco Vezzoli, artista.



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha