Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Roma: a Palazzo Barberini “Curiose riflessioni. Jean-François Niceron, le anamorfosi e la magia delle immagini”
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Notizia

13/3/2018

Roma: a Palazzo Barberini “Curiose riflessioni. Jean-François Niceron, le anamorfosi e la magia delle immagini”

A Roma, a Palazzo Barberini - Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma, è allestita dal 7 marzo al 10 giugno la mostra “Curiose riflessioni. Jean-François Niceron, le anamorfosi e la magia delle immagini”, curata da Maurizia Cicconi e Michele Di Monte. L’esposizione, incentrata sulle opere dell’artista conservate al museo, si inserisce nel progetto di valorizzazione delle collezioni permanenti e nel programma di divulgazione didattica e scientifica del 2018, dedicato ai rapporti tra arte, geometria e matematica. L’anamorfismo è un effetto di illusione ottica per cui un’immagine appare distorta e diventa comprensibile solo ponendosi nell’unico corretto punto di osservazione, oppure attraverso uno strumento apposito. La teoria e la pratica dell’anamorfosi raggiungono la loro più considerevole fortuna in età Barocca. Uno dei più interessanti protagonisti è il matematico e teologo francese Jean-François Niceron (1613-1646). Quattro dei suoi dipinti, datati intorno al 1635 e conservati nei depositi di Palazzo Barberini, sono presentati nella rassegna, insieme a due esemplari delle opere a stampa, La Perspective curieuse e il Thaumaturgus opticus, e al “canocchiale anamorfico”.



Collegamenti

Banche dati

iconaInserisci un nuovo commento




captcha