Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Formazione, ricerca e sviluppo » Roma: incontro sull'edizione digitale sullo scavo della domus pompeiana della Diana arcaizzante
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Notizia

2/11/2017

Roma: incontro sull'edizione digitale sullo scavo della domus pompeiana della Diana arcaizzante

Il 7 novembre a Roma, a partire dalle 16, nel Museo Nazionale Romano - Crypta Balbi, verrà illustrata, nell'ambito del ciclo "Discorsi sul metodo", l'opera multimediale Estándares para la edición multimedia avanzada en yacimientos arqueológicos - La casa de la Diana arcaizante en Pompeya (Standard per l'edizione multimediale nei giacimenti archeologici - La casa della Diana Arcaizzante a Pompei), un'edizione digitale legata allo scavo della domus pompeiana che si propone come possibile modello per altri giacimenti archeologici. L'incontro sarà aperto da Daniela Porro, direttrice del Museo, e presieduto da Caterina Bon di Valsassina, titolare della Direzione generale per l'Archeologia, le Belle Arti e il Paesaggio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (Mibact). A seguire un'introduzione di Elena Calandra, direttrice dell'Istituto Centrale per l'Archeologia, e una presentazione di José María Luzón, della Real Academia de Bellas Artes de San Fernando, membro del gruppo direttivo del progetto. Parteciperanno al successivo dibattito Marco Conti, dirigente dell'Istituto di Informatica e Telematica (Iit) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr); Maria Teresa D'Alessio, docente del dipartimento di Scienze dell'antichità della Sapienza Università di Roma; Massimo Osanna, direttore del Parco Archeologico di Pompei; Antonio Pizzo, vice direttore dell'Escuela Española de Historia y Arqueología in Roma, e Mirella Serlorenzi, responsabile della Crypta Balbi.  




iconaInserisci un nuovo commento




captcha