Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Santa Croce di Magliano: la Quantarana saluta il “defunto” Carnevale
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Notizia

19/2/2013

Santa Croce di Magliano: la Quantarana saluta il “defunto” Carnevale

Una bambola di pezza raffigurante una vecchia, che l'usanza vuole, durante il periodo della Quaresima, venga sospesa ad un filo annodato tra due balconi; è la cosiddetta “Quarantana”, una delle più singolari tradizioni di Santa Croce di Magliano (Campobasso) visibile per le vie del piccolo borgo dallo scorso 13 febbraio fino al 31 marzo. La “nonnina”, che la leggenda identifica con la moglie del defunto Carnevale, è generalmente vestita di nero e nelle mani stringe la conocchia, poiché trascorre intere giornate a filare, per distrarsi e non immalinconirsi troppo, pensando al caro congiunto passato a miglior vita. All'estremità della bamboletta, fatta di stracci e di stoffa usurata, è legata una vistosa patata in cui vengono conficcate sette penne, che a loro volta vengono tolte una ad una ogni domenica di Quaresima, aspettando l'arrivo della Pasqua. L’antica usanza si riconduce, con molta probabilità, a tradizioni che affondano negli antichi baccanali, antenati del moderno Carnevale e nelle rappresentazioni teatrali delle Atellane, quando “carnevale morto” veniva portato in giro per il paese su di un carro; alcuni aspetti dell’usanza riconducono ai riti dei Saturnali, i giorni in cui a Roma si capovolgevano gli ordini sociali e anche gli schiavi potevano dire a tutti, ciò che pensavano.



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha