Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Archeologia » Torino: al Mao “Immagini dagli scavi di Karakorum in Mongolia”
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Notizia

27/4/2018

Torino: al Mao “Immagini dagli scavi di Karakorum in Mongolia”

“La capitale delle steppe. Immagini dagli scavi di Karakorum in Mongolia” è la mostra fotografica allestita dal 27 aprile al 3 giugno al Mao - Museo d’Arte Orientale di Torino. L’esposizione è realizzata dal museo torinese e dal Centro Ricerche Archeologiche e Scavi di Torino per il Medio Oriente e l’Asia in collaborazione col Museo di Karakorum, grazie al sostegno di Missioni Consolata Onlus e nell’ambito del Patto di collaborazione tra la Città di Torino e la Città di Kharkhorin. La città di Karakorum fu edificata sotto il figlio di Genghis Khan, Ögedei, nel 1235, e rimase la capitale dell’impero mongolo sotto i successori Güyük e Möngke. A causa delle lotte per la successione nel 1260 subì pesanti distruzioni e Kublai Khan spostò la capitale, lasciando a Karakorum il ruolo di centro amministrativo e snodo commerciale, almeno fino al 1388 quando fu distrutta dall’esercito cinese dei Ming. L’identificazione delle rovine a nord di Erdene Zuu con il sito di Karakorum si deve a Nikolai M. Yadrintsev nel 1889; la conferma definitiva al turcologo Wilhelm Radloff (1837-1918). I primi scavi furono effettuati nel 1933-34 da Dmitry Bukinich, ma fu solo con la missione mongolo-sovietica del 1948-49, guidata da Sergei V. Kiselev, che la conformazione del sito nella sua interezza cominciò ad essere compresa. Le indagini ripresero mezzo secolo dopo adottando i canoni e gli strumenti dell’archeologia moderna, con la spedizione mongolo-tedesca del 1998.




iconaInserisci un nuovo commento




captcha