Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Torino: rotazione di tessuti al Mao
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare




 

Notizia

15/3/2017

Torino: rotazione di tessuti al Mao

Il Mao - Museo d'Arte Orientale di Torino ha inaugurato ieri, 14 marzo, una nuova rotazione di tessuti nella Galleria Giapponese, visibile fino al 15 ottobre: "Kesa. Simmetrie e asimmetrie nei mantelli monastici". I kesa sono preziosi mantelli rituali indossati dai monaci buddhisti che si compongono di diversi pezzi di stoffa uniti da cuciture sovrapposte; giocano un ruolo molto importante nella pratica buddhista poiché il dono di un tessuto conferisce merito all'offerente e la sua confezione è intesa come un atto di devozione per il monaco. In esposizione tre esemplari del XIX secolo: uno a disegni geometrici romboidali che risale agli anni di passaggio tra il periodo Edo (1603-1868) e l'era riformista Meiji (1868-1912); uno con motivi floreali, simboli augurali e draghi, probabilmente un tessuto di origine cinese; uno con motivi di aceri, crisantemi, pini, ventagli, onde e cascata. Nella stessa sala che ospita i kesa, il paravento è stato sostituito da un grande kakemono (dipinto su rotolo verticale) realizzato nel terzo quarto del XIX secolo col Buddha storico ritratto in Parinirvana, ovvero nell'attimo in cui cessa la sua esistenza fisica per estinguersi nel Nirvana, e un contenitore per sutra (scritture buddhiste) in pietra con iscrizione datante 1127.



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha