Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Architettura » Lombardia » “Milano in quartieri”, l’innovazione urbanistica degli anni Cinquanta
Esplora

Regioni

Lombardia Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Notizia

28/11/2016

“Milano in quartieri”, l’innovazione urbanistica degli anni Cinquanta

“Milano in quartieri. Modelli d’innovazione urbanistica e sociale dagli anni Cinquanta”, realizzata dalla Triennale di Milano in collaborazione con Fondazione Aldo Aniasi, è la mostra che dal 23 novembre al 18 dicembre racconta della ricostruzione urbanistica e sociale di Milano a partire dal secondo dopoguerra. Nella narrazione è posta particolare attenzione al concetto di quartiere, inteso come cellula, completo in sé stesso ma nello stesso momento parte di un organismo più complesso, tanto da diventare l’unità di misura di Milano dagli anni Cinquanta ad oggi. L’esposizione inizia con l’analisi del processo di sviluppo del nuovo Piano Regolatore di Milano che partì con un concorso d’idee indetto dal Comune nel 1945 e aperto a tutta la cittadinanza. Al bando tra gli altri partecipano sotto la sigla AR - Architetti Riuniti - alcuni dei più importanti professionisti del momento: Albini, Bottoni, Gardella, Mucchi, Peressutti, Pucci, Putelli, Rogers. Particolare attenzione è riservata al racconto della ricostruzione sociale della città attraverso la creazione di servizi e luoghi di aggregazione. La vita in periferia viene posta al centro dell’attenzione e raccontata attraverso i nuovi servizi che la arricchiscono: l’edilizia residenziale agevolata, i mercati rionali e i servizi di trasporto capillari, il verde e la nuova edilizia scolastica. Infine un approfondimento sull’area del nuovo Centro Direzionale, tra l’ex scalo Sempione e la stazione Centrale, nel quale prende vita il modello architettonico del grattacielo che cambia profondamente la percezione visiva di Milano tanto da continuare a caratterizzarne lo skyline attuale. Sono presentati in mostra materiali provenienti dall’Archivio Fotografico, dall’Archivio Progetti e dalla Raccolta Grafica della Triennale, documenti inediti dell’Archivio Storico e periodici del tempo conservati presso la Biblioteca del Progetto insieme a fotografie storiche e volumi della Fondazione Aldo Aniasi.



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha