Condividi
  • Facebook
  • Twitter
25/2/2011

Parma: la Biblioteca Palatina presenta i libri rari acquisiti nell'Ottocento

Continua il percorso di analisi delle raccolte della Biblioteca Palatina di Parma e di valorizzazione delle particolarità e rarità che le caratterizzano. Mercoledì 2 marzo alle 17.30 nella Sala Maria Luigia della prestigiosa istituzione bibliotecaria parmense sarà presentato il volume Collezioni scelte. Libri rari nelle raccolte private acquisite nel XIX secolo dalla Biblioteca Palatina di Parma, quarta uscita della collana Mirabilia Palatina pubblicata da Mup Editore in collaborazione con la Biblioteca e con il contributo di Cepim Spa (Centro Padano di Interscambio Merci). Sarà Andrea De Pasquale, direttore della Biblioteca Palatina e del Museo Bodoniano e curatore dell'opera, a ricostruire le vicende che hanno portato queste collezioni a confluire nel già ingente patrimonio bibliografico raccolto fin dalla metà del 1700. Nell’Ottocento un ruolo da protagonista in tali vicende fu svolto da Angelo Pezzana, che acquistò molte delle raccolte che oggi rendono famosa la Palatina nella comunità scientifica: fra le tante, le biblioteche dei conti Sanvitale, dell’Abate Michele Colombo, del conte Filippo Linati, di Bartolomeo Gamba e di Médéric Moreau de Saint-Méry. Il volume presenta gli esemplari particolari, per argomento o rarità, di queste "librerie": dal manoscritto di fine quattrocento Statuta Magnifice Comunitatis Parmae all’autografo del De prospectiva pingendi di Piero della Francesca, dall’edizione del De simmetria di Albrecht Dürer all’Album de’ tentativi sù fogli lignei d’invenzione del Conte Stefano Sanvitale. Quest’ultima opera sarà esposta per l’occasione e illustrata da Grazia Maria De Rubeis. Alla presentazione parteciperanno anche Luigi Capitani, amministratore delegato di Cepim, e Maurizio Dodi, presidente di Mup Editore. 
torna all'inizio del contenuto