Condividi
  • Facebook
  • Twitter
22/3/2012

Caccia ai tesori con la Giornata Fai di Primavera

 Il Fondo Ambiente Italiano apre eccezionalmente al pubblico 670 beni d’arte e cultura. Dalla Casa Cava di Matera a Villa Madama a Roma, dal Convento delle Trentatré a Napoli ai Laboratori Scala Ansaldo di Milano, ecco alcune proposte di visita 


Gioielli sotterranei | Complessi monastici | Sulle tracce degli scrittori | Ville e caserme | Archeologia industriale | Nei depositi museali

 Dai siti archeologici ai luoghi dei poeti e degli scrittori, dagli edifici di culto alle residenze storiche utilizzate per cerimonie statali, per arrivare alle caserme e agli antichi complessi industriali: ecco qualche proposta per conoscere alcuni dei beni normalmente chiusi al pubblico che saranno protagonisti della ventesima edizione della Giornata Fai di Primavera, in programma sabato 24 e domenica 25 marzo.
L’iniziativa si propone come una grande festa popolare, che dalla prima edizione ad oggi vanta la partecipazione di oltre 6,5 milioni di visitatori. Complessivamente sono 670 i beni aperti al pubblico, situati in tutte le regioni d’Italia; per i visitatori stranieri l’edizione 2012 propone “Arte. Un ponte tra culture”, un progetto che coinvolge trenta città in cui sono disponibili visite guidate in diverse lingue. 
Locandina Fai
Locandina Fai

Metadati correlati

torna all'inizio del contenuto