Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Percorsi » Mimmo Paladino, un viaggio a ritroso da Brescia a Brixia
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Percorso

19/5/2017

Mimmo Paladino, un viaggio a ritroso da Brescia a Brixia

Un percorso d’arte del maestro contemporaneo offre un nuovo punto di vista sul centro storico della città lombarda

Mimmo Paladino, Specchi ustori, 2017, ottone dipinto e serigrafato, 500cm (diametro); © Pasquale Palmieri, pasqualepalmieri.it
Mimmo Paladino, Specchi ustori, 2017, ottone dipinto e serigrafato, 500cm (diametro); © Pasquale Palmieri, pasqualepalmieri.it

“Mimmo Paladino. Ouverture” è il percorso d’arte ospitato dal 6 maggio al 7 gennaio 2018 a Brescia, nelle sedi di Piazza della Vittoria, Museo di Santa Giulia Brixia Parco Archeologico di Brescia Romana, Teatro Romano, Duomo Vecchio e Metropolitana Stazione FS. L’allestimento rientra in “Brixia Contemporary”, il progetto pluriennale messo a punto dalla Fondazione Brescia Musei e dal Comune, così presentato da Massimo Minini, presidente della Fondazione: «Vorremmo che ogni anno un artista internazionale sia chiamato a svelare un nuovo punto di vista sullo spazio urbano del centro storico bresciano, grazie al dialogo tra le opere selezionate per l’occasione e i luoghi che le accoglieranno. Il risultato che vorremmo ottenere sarà un percorso d’artista, che dal cuore istituzionale della città conduca al Parco Archeologico e al Museo di Santa Giulia. Un viaggio a ritroso da Brescia a Brixia, attraverso la mediazione e la sensibilità di un grande artista del presente». L’artista selezionato per il 2017 è Mimmo Paladino. Spiega Luigi Di Corato, curatore della mostra: «Paladino ci è parso perfetto per inaugurare questo ambizioso progetto per la sua capacità di alimentare la storia, trasformando i simboli della cultura figurativa del Mediterraneo, dagli archetipi al Novecento».



Collegamenti

Metadati correlati

iconaInserisci un nuovo commento




captcha