Condividi
  • Facebook
  • Twitter
9/3/2015

Movio, le mostre virtuali crescono

Grazie al kit open source realizzato dall’Iccu sono state allestite molte esposizioni online e valorizzati contenuti culturali altrimenti difficilmente accessibili e fruibili. Ecco alcuni esempi, diversi per tipologia e ambito disciplinare, dalla scienza all’archeologia alla storia


Cento anni dal terremoto della Marsica, 1915-2015 | Sulle orme di Eracle. Eracle nell'immaginario etrusco | Giuseppe Gioachino Belli. Impiegato nell'amministrazione pontificia (1807-1845) | Federigo Melis in Africa Orientale 1940-1944. La guerra attraverso documenti e testimonianze dal suo archivio | Vedere la Grande Guerra. Immagini della Prima Guerra Mondiale

Tra le più recenti iniziative espositive, con finalità commemorative e di divulgazione scientifica, c’è la doppia mostra – reale e virtuale – “Cento anni dal terremoto della Marsica, 1915-2015”, organizzata in occasione del centesimo anniversario dell’evento sismico dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). L’allestimento, dal 1º febbraio al 31 maggio, nel Castello Piccolomini di Celano (L’Aquila) è affiancato da un percorso online il cui obiettivo è offrire ai visitatori da remoto un’esperienza concettualmente simile a quella del percorso “fisico”, con un supplemento di approfondimento dei contenuti.

La mostra virtuale, curata da Chiara Badia, Anna De Santis, Stefania Conte, è realizzata con documenti testuali, iconografici e video dell’Ingv, dell’Archivio Centrale dello Stato, dell’Archivio Storico di Avezzano, dell’Archivio Storico dell’Aquila e della Regione Abruzzo. L’articolazione ricalca quella degli ambienti espositivi del Castello – Sale Terremoti 1 e 2, Sala Sismica e Sala Marsica – con l’aggiunta delle sezioni informative “Cos’è un terremoto?” e “Il terremoto del 1915” e di una cronologia.

il sito della mostra "Cento anni dal terremoto della Marsica, 1915-2015"
il sito della mostra "Cento anni dal terremoto della Marsica, 1915-2015"

torna all'inizio del contenuto