Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Percorsi » Un mare di biodiversità » Area Marina Protetta di Tavolara - Punta di Coda Cavallo
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare




Petition by iPetitions
 

Capitolo

28/4/2012

Un mare di biodiversità

Le aree marine protette costituiscono un patrimonio naturale ricchissimo e spettacolare. Flora, fauna e archeologia ne fanno le mete ideali per un turismo sostenibile rivolto sia agli adulti che ai ragazzi. Dal Golfo di Trieste alle Isole Egadi, coste, acque e fondali riservano una varietà di opportunità ed emozioni   

Eunicella (Eunicella singularis), area marina protetta di Tavolara, Sardegna
Eunicella (Eunicella singularis), area marina protetta di Tavolara, Sardegna

Lungo la costa nord-orientale della Sardegna, da Capo Ceraso fino a Cala Finocchio, si sviluppa l’area marina protetta che comprende le isole di Tavolara, Molara e Molarotto; acque cristalline che si estendono per 15 mila ettari sottoposte a protezione per la bellezza e il valore naturalistico degli ambienti marini e insulari e per l’alto livello di conservazione delle praterie di posidonia oceanica, delle spugne policrome e dell’ittiofauna. Parco marino protetto dal 1997, in tutta l’area di Tavolara - Punta di Coda Cavallo, gestita dal consorzio costituito fra i comuni di Olbia, Loiri-Porto San Paolo e San Teodoro, è proibita la pesca subacquea e l’ancoraggio a eccezione delle aree appositamente attrezzate.
 
Grande ricchezza per la regione, l’area protetta rappresenta un’opportunità per promuovere i valori territoriali, richiamando un turismo di qualità, attento al paesaggio, alla cultura e alla tradizione del contesto ospite; su questa linea la gestione della zona è stata indirizzata verso un turismo sostenibile che tenga conto della “capacità di carico”, ovvero del numero massimo di persone nei luoghi visitati, per una fruizione nel lungo periodo e, soprattutto, per non compromettere il contesto ambientale; in quest’ottica, il consorzio ha contestualmente previsto attività di tutela e conservazione come iniziative educative, di monitoraggio e ricerca scientifica, necessarie alla salvaguardia di un patrimonio naturalistico così prezioso.



Collegamenti

In rete

iconaInserisci un nuovo commento




captcha