Condividi
  • Facebook
  • Twitter
17/6/2009

Dal valore aristocratico allo spettacolo cruento: lo sport nell’antichità

Siti e musei archeologici raccontano con i loro reperti la storia di agoni e atleti dell’epoca greco-romana


Panelleniche e Olimpiadi, lo sport fra religione e politica | La Magna Grecia, l’aristocrazia coloniale | I Ludi a Roma, l’eredità degli etruschi

Corsa dei carri, pugilato, lotta, lancio del peso e tiro con l’arco: siti e reperti archeologici testimoniano l’importanza dello sport nell’antichità, attività non solo con finalità agonistiche, ma anche politiche e perfino mistiche. Questo percorso tematico intende suggerire un breve viaggio nelle origini delle gare agonistiche, cogliendo l’occasione offerta dalla mostra che avrà luogo a Pescara dal 24 giugno al 1° agosto “Luoghi, protagonisti e forme dello sport  in Abruzzo. La memoria narrata”, allestita dalla Soprintendenza Archivistica per l’Abruzzo nell’ambito dei Giochi del Mediterraneo.



Diversi musei italiani, come il Museo Civico Archeologico di Bologna, il Museo Archeologico di Taranto o quelli di Firenze e Roma, conservano coppe attiche raffiguranti atleti o attrezzature utilizzate per migliorare le prestazioni agonistiche e sculture di atleti a riposo o in movimento. Dalla Grecia a Roma: nella Città Eterna le gare perdono progressivamente l’elemento mistico per trasformarsi negli spettacoli cruenti che sono rimasti impressi nella storia.



Per quanto riguarda i luoghi, a Roma viene tramandata la costruzione del circo – ne resta un pregevole e maestoso esempio nel Circo Massimo –, dello stadio per le gare atletiche e dell’anfiteatro utilizzato per le gare più spettacolari e cruente come quella dei gladiatori, le cacce e le battaglie navali. Come anfiteatro utilizzato per le battaglie navali, proprio l’Abruzzo ne conserva un notevole esempio: l’Anfiteatro romano di Alba Fucens, situato nei pressi del Comune di Massa d’Albe, edificato nel I secolo d.C., di cui è visibile ancora la pista recintata con un alto basamento, che riusciva a contenere una considerevole mole di acqua.
torna all'inizio del contenuto