Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » La stagione del Liberty a Milano » L’Esposizione Universale e la parabola discendente
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare




Petition by iPetitions
 

16/10/2009

La stagione del Liberty a Milano

Le strade, le piazze e le case dello stile che rese unica la città meneghina tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento

Un momento dell’Esposizione Universale a Milano nel 1906
Un momento dell’Esposizione Universale a Milano nel 1906

L’Esposizione Universale del 1906, che consacrò come stile ufficiale il Liberty, ne segnò anche la parabola discendente. Il Liberty, da considerarsi il postmoderno di quegli anni, in realtà si andava esaurendo in “fuochi d’artificio illusionistici” e spesso poco convincenti perché potesse candidarsi come emblema del nuovo secolo. Dietro l’angolo c’erano già i futuristi e Sant’Elia. In lontananza si intuiva la presenza di Persico, Pagano, Terragni, Ponti, Lancia e di tutta la pattuglia razionalista.



Gli architetti dell’Esposizione Universale, alcuni di mediocre levatura, capeggiati da Sebastiano Giuseppe Locati, sancirono la fine del nuovo stile, dichiarato colpevole, nell’ultimo periodo, di una volgarità schiava di un atteggiamento retorico che anticipava la subdola retorica a sfondo nazionalistico.



Nel 1913 Sommaruga concludeva la stagione del Liberty milanese, destinato dopo quella data a una breve e esile sopravvivenza nell’edilizia minore. Il breve intervallo che separa quegli anni dalla stasi edilizia della Prima Guerra Mondiale segnava la rivincita dell’eclettismo, nella quale defluivano i frammenti e i manierismi sopravvissuti al Liberty. La città scapigliata e ottocentesca stava diventando un ricordo oramai sempre più sbiadito. Anche per gli stessi milanesi.




iconaInserisci un nuovo commento




captcha