Condividi
  • Facebook
  • Twitter
11/11/2009

Le pievi romaniche del Valdarno

Nelle province di Arezzo e Firenze alla scoperta delle chiese di campagna sorte in corrispondenza di antichi agglomerati


San Pietro a Cascia | Santa Maria a Sco’ | Badia Soffena | Pieve di San Pietro a Gropina | Pieve di San Pietro a Presciano | Badia di Santa Maria | Cavriglia | Pieve di San Romolo

Immerso nel bellissimo paesaggio di boschi di castagni e faggi, il centro di Pian di Sco’ (Arezzo) è strettamente legato alla pieve romanica di Santa Maria. Le origini del comune infatti coincidono con la nascita di questa pieve, intorno all'anno Mille. La pieve di Santa Maria a Sco’ comprendeva circa tredici chiese e alcuni monasteri e per molto tempo stette sotto il dominio dei Signori di Firenze. Dopo varie vicissitudini e per l'insistenza degli abitanti, solo nel 1809 nacque la comunità di Pian di Scò e il bellissimo borgo medievale, che ormai si era andato realizzando intorno alla pieve, ottenne i propri riconoscimenti.

La pieve, sorta come le altre lungo il percorso della Cassia Vetus, dà le spalle all'antica strada e per visitarla bisogna arrivare in cima al paese. La sua architettura risalta ampia e maestosa con la linea regolare, le tre absidi e il campanile che la affianca. La tecnica costruttiva in grandi blocchi squadrati la rende austera e contribuisce a fornire una luce più cupa. All'interno lo spazio è suddiviso in tre navate da colonne monolitiche sormontate da capitelli lavorati con figure antropomorfe: aquile e figure umane. In fondo nell'abside centrale, più grande rispetto alle due absidi laterali più piccole, si apre una piccola finestrella con vetro in alabastro da cui penetra una fievole luce che illumina direttamente l'altare. Sulla parete di sinistra è stato riportato alla luce un dipinto rappresentate la Madonna in trono con bambino in fasce, attribuito a Paolo Schiavo, un pittore fiorentino molto attivo nella zona. All'esterno il campanile si alza slanciato sulla vallata; fino alla cuspide è costruito con pietre a bozze, mentre la copertura terminale è realizzata in cotto.

La pieve
La pieve

torna all'inizio del contenuto