Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Mondi fantastici e natura creatrice: i parchi d'arte
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



 

Percorso

4/4/2011

Mondi fantastici e natura creatrice: i parchi d'arte

Opere fatte di elementi naturali o immerse nel paesaggio, interventi ambientali, installazioni percorribili, giardini di sculture: creatività da attraversare

Nils Udo, Arte Sella 2010
Nils Udo, Arte Sella 2010

“Museo a cielo aperto” è una definizione frequentemente associata all’Italia, ricca com’è di bellezza prodotta dalla natura o dall’uomo, di tesori in cui ci si può imbattere semplicemente passeggiando, perfino senza meta o intenzione. Non si contano le attrazioni che si ammirano in esterno: paesaggi, edifici, siti archeologici, architetture urbane, interi paesi, borghi di murales o mosaici, giardini d’artista. Tra le tante opere dell’antichità e della contemporaneità che si offrono allo sguardo, una categoria a sé, per quanto non facilmente delimitabile, è quella dell'Arte Ambientale.
 
Il binomio arte-ambiente attraversa le ricerche creative dell’ultimo mezzo secolo, con precedenti rintracciabili nelle avanguardie storiche e sviluppi che interessano diverse correnti tra la fine degli anni Cinquanta e gli anni Settanta.
 
L’espressione Arte Ambientale viene usata in riferimento a processi ed esiti artistici differenti, che vanno dalla scultura site specific con materiali tratti dall’ambiente ad attività sul paesaggio. Gli interventi possono caratterizzarsi come effimeri o produrre alterazioni permanenti. Il confronto con lo spazio naturale non necessariamente si lega alla tematica ecologica. Può essere previsto il coinvolgimento dello spettatore, così come la fruizione può risultare impervia e affidata quindi alla documentazione di fotografie, video o mappe.
 
In Italia esistono diversi parchi d’arte e, se ogni stagione ha una storia da raccontare, certamente la primavera è un periodo favorevole per una visita.




iconaInserisci un nuovo commento




captcha