"Vero o falso?", mito e scienza nelle figurine

11/9/2018

La Fondazione Modena Arti Visive presenta al Museo della Figurina di Modena la mostra “Vero o falso? Le figurine sotto la lente d’ingrandimento della scienza”, a cura di Pleiadi Emilia, che inaugura venerdì 14 settembre in occasione del Festivalfilosofia 2018, dedicato quest’anno al tema della “Verità”. L’esposizione, visibile fino al 24 febbraio 2019, indaga il rapporto tra scienza e verità conducendo il pubblico all’interno del laboratorio scientifico, luogo simbolo dell’obiettività. Attraverso un percorso interattivo, il visitatore si mette nei panni dello scienziato alle prese con il compito di svelare falsi miti e trovare conferme celate nelle immagini delle figurine. La rassegna offre ai visitatori la possibilità di effettuare esperimenti in prima persona tramite due installazioni interattive, di soffermarsi sugli approfondimenti testuali, di osservare reperti come un contenitore di polvere lunare e oggetti tridimensionali selezionati allo scopo di avvalorare o smentire gli elementi che emergono dal mondo della figurina. Il percorso espositivo parte dalla dicotomia “Verità vs falso mito”, declinata in tre macro ambiti: medicina, alimentazione e ambiente. Per quanto riguarda la medicina, in particolare, il focus è sui contenuti pubblicitari delle figurine storiche di fine Ottocento, che sponsorizzavano prodotti farmaceutici spesso realizzati attraverso principi attivi tenuti segreti. Analogamente, nel campo dell’alimentazione si parla di prodotti industriali innovativi per l'epoca quali gli estratti di carne, gli amari quali la “Ferrochina” o il cioccolato in tutte le sue versioni, le cui virtù spesso enfatizzate e mitizzate venivano illustrate nel retro delle figurine, a volte tramite tabelle comparative. Nel campo dell’ambiente, infine, si svelano le notizie fasulle che circolavano su animali, piante e mondo extra-terreste. La sezione “Magia o scienza?” illustra fenomeni naturali facilmente comprensibili in termini scientifici, mentre altre figurine spiegano esperimenti ludici che nascondono trucchi, illusioni ottiche e cinematografiche.

Il foto-telefono, 1900 circa Il foto-telefono, 1900 circa
[Roy Lichtenstein, Crying Girl, 1963; © Estate of Roy Lichtenstein / SIAE 2018]

Dal fumetto all'astrazione, Lichtenstein e la Pop Art

La Fondazione Magnani-Rocca a Mamiano di Traversetolo dedica una retrospettiva a uno dei maggiori esponenti della Pop Art, che ha influenzato grafici, designer e pubblicitari contemporanei ... continua

[Valerio Adami, Looking to the east, 2001, acrilico su tela, 198x147cm]

“Yesterday, Today, Tomorrow”, il colore dagli anni Quaranta a oggi

Fino al 21 luglio è ancora possibile visitare la mostra “Yesterday, Today, Tomorrow”, inaugurata lo scorso 27 aprile presso la Galleria d’Arte 2000 & Novecento di Reggio Emilia. La collettiva, attraverso le opere di tredici autori selezionati, illustra l’uso del colore ... continua

Ravenna: “Infanzia indimenticabile”, collettiva italo-israeliana

Dal 21 settembre al 21 ottobre il Museo Nazionale di Ravenna ospita la mostra collettiva “Unforgettable childhood - Infanzia indimenticabile”, curata da Ermanno Tedeschi e realizzata in collaborazione con il Polo Museale dell’Emilia Romagna e l’Associazione Acribia. ... continua

Modena: “Il viaggiatore mentale”, personale di Jon Rafman

Dal 14 settembre 2018 al 24 febbraio 2019, la Galleria Civica di Modena con la Fondazione Fotografia Modena, presentano la personale di Jon Rafman “Il viaggiatore mentale” allestita presso la Palazzina dei Giardini, a cura di Diana Baldon, in concomitanza con il Festivalfilosofia 2018. ... continua

Faenza: “Vertigo. Walking on the edge of the tone”, personale di Alessandro Roma

Nell’ambito della 14ª Giornata Internazionale dell’arte contemporanea indetta da Amaci il 12 settembre inaugura al Mic - Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza (Ravenna) “Vertigo. Walking on the edge of the tone” personale di Alessandro Roma, visitabile fino al ... continua

Carpi: “Il medico del Rinascimento”, rassegna scientifica su Berengario da Carpi

Dal 14 settembre al 16 dicembre, Palazzo dei Pio di Carpi (Modena) ospita la mostra “Berengario da Carpi. Il medico del Rinascimento” che rilegge e porta d’attualità l’avventura scientifica e umana di uno dei protagonisti della medicina del Rinascimento, al secolo, Jacopo ... continua

torna all'inizio del contenuto