Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoliOpac SBNEuropeana

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Scienze umane » Lombardia
Esplora

Regioni

Lombardia Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare



Risorse Digitali
 



Scienze umane - Lombardia

“I have a dream”, Martin Luther King e la lotta per i diritti civili

Rowland Scherman, Martin Luther King Jr. e Mathew Ahmann in mezzo alla folla durante la Marcia per i Diritti Civili (è in questa occasione che è stato pronunciato da Martin Luther King, davanti al Lincoln Memorial, il suo più famoso discorso dal titolo "I have a dream"), 28 agosto 1963, Washington, D.C. (USA); courtesy: © U.S. Information Agency – Press and Publications Service / NARA – National Archives and Records Administration
Rowland Scherman, Martin Luther King Jr. e Mathew Ahmann in mezzo alla folla durante la Marcia per i Diritti Civili (è in questa occasione che è stato pronunciato da Martin Luther King, davanti al Lincoln Memorial, il suo più famoso discorso dal titolo "I have a dream"), 28 agosto 1963, Washington, D.C. (USA); courtesy: © U.S. Information Agency – Press and Publications Service / NARA – National Archives and Records Administration
29/3/2018

Una mostra fotografica allestita a Milano racconta una pagina fondamentale della storia del Novecento


A cinquant’anni dall’assassinio di Martin Luther King, avvenuto il 4 aprile del 1968, la Casa di Vetro di Milano propone dal 31 marzo al 23 giugno la mostra fotografica “I have a dream. La lotta per i diritti civili degli afroamericani. Dalla segregazione razziale a Martin Luther King”. L’esposizione, curata da Alessandro Luigi Perna e prodotta da Eff&Ci - Facciamo Cose, racconta la condizione dei neri negli Stati Uniti tra la fine della Guerra Civile Americana e gli anni Sessanta del Novecento, soffermandosi in particolare sugli eventi che portarono al Civil Rights Act del 1964, la legge che dichiarò illegale la segregazione razziale, e il Voting Rights Act del 1965, che proibì la discriminazione nelle elezioni. Il percorso espositivo di circa 200 immagini, tra riproduzioni digitali da stampe originali o da negativi, provenienti per la maggior parte dagli Archivi di Stato statunitensi, in particolare Library of Congress e National Archives and ... continua

Che Guevara a Las Villas prima della battaglia di Santa Clara, 1958; © Centro de Estudios Che Guevara

El Che: l’uomo, il personaggio storico, il mito

A Milano una grande mostra dedicata al rivoluzionario argentino Ernesto Guevara, a cinquant’anni dalla morte ... continua
Festivaletteratura 2017

Storie di patrie perdute al Festivaletteratura

La manifestazione di Mantova, alla ventunesima edizione, dà voce a molti autori che raccontano di guerre e persecuzioni. Tra gli altri approfondimenti, la questione europea, il centenario della Rivoluzione d’Ottobre e il rapporto tra produzione culturale e tecnologia ... continua

Milano: “Mollette da bucato” al Triennale Design Museum

Il Triennale Design Museum di Milano ospita dal 12 ottobre al 12 novembre la mostra “Mollette da bucato”, curata da Giulio Iacchetti con Paolo Garberoglio ed Elisa Testori. L’esposizione documenta l’evoluzione di un utensile d’uso comune: ogni epoca e civiltà ha ... continua

Milano: mostra “La guerra negli occhi, la guerra nel cuore”

Nello Spazio Oberdan Milano, dal 16 settembre al 18 novembre, la Fondazione Cineteca Italiana presenta “La guerra negli occhi, la guerra nel cuore”, una mostra interattiva sulla Prima Guerra Mondiale arricchita da una rassegna cinematografica a tema bellico. L’esposizione si basa ... continua
Alexander Rodchenko, "Lilya Brik (1891-1978), definita dal poeta e politico cileno Pablo Neruda "musa dell'avanguardia russa". Scrittrice e socialista russa, era in relazione con molte figure rilevanti dell'avanguardia artistica russa negli anni tra il 1914 e il 1930. Fu amante dello scrittore Vladimir Mayakovsky e fu sposata a lungo con il poeta, editore e critico letterario Osip Brik (1888-1945). Il suo nome era spesso abbreviato come "Л.Ю." or "Л.Ю.Б." che sono le prime lettere della parola russa «любовь», che tradotta significa amore", 1924; © Heritage / AGF

“I Bolscevichi al potere”, immagini dalla Rivoluzione d’Ottobre

A cento anni dallo storico evento una mostra a Milano presenta una selezione di fotografie provenienti da archivi internazionali ... continua

Chiari: “Città del libro e Città che legge”, rassegna della microeditoria

Si svolgerà a Chiari (Brescia) dal 10 al 12 novembre la quindicesima rassegna della microeditoria “Città del libro e Città che legge”, sul tema “I mestieri del libro”. Ai tradizionali stand degli editori si aggiunge quest’anno, uno spazio-libreria per bambini e ... continua