Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Opere; decorazione parietale; Immagine fissa

Categoria:

Pittura

Autore:

Pippi Giulio detto Giulio Romano

L'impresa della tortora, appartenente a Gianfrancesco Gonzaga (1395-1444), padre di Ludovico, V capitano e I marchese di Mantova, è la quarta a figurare tra i racemi vegetali dai colori vivaci nella fascia decorativa superiore della parete Ovest. Come tutte le divise rappresentate in questa stanza, essa è affrescata all'interno di una finta cornice ovale color oro e rossiccio a baccelli a sua volta contenuta da un cartiglio ornato da grappoli d'uva ed impreziosito da risvolti dorati. L'immagine, ovvero il corpo, mostra una tortora posata su un tronco secco e ricurvo ("tronchone") in una pozza d'acqua torbida. Sullo sfondo è raffigurato un paesaggio campestre con montagne all'orizzonte all'interno del quale sono rappresentate due figure assimilabili a pescatori: uno di essi infatti è colto nell'atto di immergere nelle acque del laghetto un lungo e sottile strumento molto simile ad una canna da pesca. In questa rappresentazione il profilo del ramo risulta sensibilmente alterato: esso infatti è assimilabile ad una sorta di pesce a causa delle numerose ridipinture che hanno travisato l'immagine originaria. Il motto (anima) della divisa, che in questo caso non è presente, recita in lingua francese "VRAI AMOUR NE SE CHANGE" ("il vero amore non cambia"). Si tratta di un simbolo di fedeltà coniugale: la tortora, fedele nella vita e anche oltre la morte, dopo la scomparsa del compagno si posa solo su rami secchi e si abbevera soltanto nell'acqua torbida per non vedere la propria immagine riflessa, che le farebbe inevitabilmente ricordare il compagno scomparso. Dall'osservazione diretta e ravvicinata si è potuto stabilire che l'esecuzione di impresa e cornice da un lato e quella del cartiglio dall'altro è avvenuta in due giornate distinte. Per giornata si intende la porzione di intonaco dalle dimensioni variabili a seconda delle difficoltà e dunque del tempo di esecuzione necessario per la realizzazione di ciascuna parte. Ben visibili a occhio nudo sono le numerose e vistosissime crepe dell'intonaco nella zona di sinistra e nella parte sottostante l'impresa. Un'accurata analisi ha inoltre permesso di individuare piccolissime tracce di doratura su un risvolto del cartiglio contenente tale divisa, come mostra la fotografia allegata del particolare ravvicinato. Questa importante scoperta costituisce un'ulteriore conferma di come in origine la decorazione pittorica di questo ambiente dovesse risultare ricca e preziosa. Il mascherone sottostante raffigura un volto maschile con una barba grigia e ispida, dall'espressione seria e dallo sguardo truce rivolto verso destra. I suoi capelli biondi sono cinti da una fascia color oro da cui si dipartono due elementi decorativi a forma di anello non meglio identificabili.

Soggetto:

decorazioni e ornati
Impresa gentilizia

Estensione:

altezza: cm 79

Materia e tecnica:

affresco

Data di creazione:

1527 ca. - 1530 ante; sec. XVI, secondo quarto; 1527 - 1530

Data di modifica:

1950; 1983; 2009

Ambito geografico:

Museo Civico di Palazzo Te, Viale Te, 13 - Mantova (MN), Italia - proprietà Comune di Mantova

immagine

Immagini di anteprima

anteprima dell'immagine 1

Riferimenti

È riferito da: scheda ICCD OA: 0302128992-8

È incluso da: Complesso decorativo di Palazzo Te

Fonte dati

MuseiD-Italia / Giulio Romano - Complesso decorativo di Palazzo Te - collezione

Identificatore: work_6129



Documenti simili

Immagine

tortora

SIGECweb
oai:oaicat.iccd.org:@ICCD2907783@

Immagine

anonimo; ambito italiano, Tortora

Regione Lombardia
oai:SIRBeC:S_G1050-00733

Immagine

Veduta - Veduta della citta' - Tortora

Biblioteca del Senato
oai:senato.it:B775BCC30672A59DC1256F46004584CD

torna all'inizio del contenuto