Condividi
  • Facebook
  • Twitter
Evento 26/7/2017

“Gruppo di famiglia”, un percorso nella scultura del Novecento

A Venezia, nel rinnovato spazio di Forte Marghera, un’installazione che ripercorre l’arte plastica del XX secolo evidenziando la varietà di linguaggi figurativi e astratti

A Venezia apre per la prima volta al pubblico il rinnovato spazio di Forte Marghera; a inaugurarlo un’inedita installazione di sculture del Novecento provenienti dalle collezioni della Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro della Fondazione Musei Civici; “Gruppo di famiglia” è il titolo dell’allestimento, visibile dal 28 luglio al 26 novembre.

L’edificio dell’esposizione, appartenente al complesso architettonico ottocentesco del Forte e inserito in un’area in cui operano altre importanti istituzioni culturali, come la Biennale, è stato messo dal Comune e dalla Fondazione Forte Marghera a disposizione della Fondazione MuVe, impegnata nella promozione e valorizzazione del proprio ricco patrimonio d’arte contemporanea. La struttura si distingue per l’apertura pomeridiana-serale (15-22), con ingresso gratuito.

L’installazione, presentata in un ambiente caratterizzato da murature in mattone a vista, con la cura di Gabriella Belli, il progetto allestitivo di Daniela Ferretti e la collaborazione della Fondazione Forte Marghera, comprende opere di artisti di primo piano, come Domenico Trentacoste, Constantin Meunier, Joseph Bernard, Napoleone Martinuzzi, Michael Noble, Giacomo Manzù, Emilio Greco, Libero Andreotti, Agenore Fabbri, Arnaldo Pomodoro, Alberto Viani, Lorenzo Guerrini, Aldo Calò, Arman. Il titolo sottolinea il legame tra le opere e la città.

Le raccolte di Ca’ Pesaro, cresciute con le acquisizioni del Comune alle Biennali e con lasciti e donazioni, sono legate, fin dall’inizio, alla scultura: “Gruppo di famiglia” racconta la storia dell’arte plastica sia nella forma figurativa che astratta. Il percorso espositivo, non cronologico, punta proprio a documentare l’ampia gamma dei linguaggi scultorei dal Verismo di inizio secolo alle astrazioni del Secondo Dopoguerra.

Arnaldo Pomodoro, Disco, 1965, bronzo, 62x60cm; MUVE – Ca' Pesaro – Galleria Internazionale d'Arte Moderna Arnaldo Pomodoro, Disco, 1965, bronzo, 62x60cm; MUVE – Ca' Pesaro – Galleria Internazionale d'Arte Moderna

Agenore Fabbri, Uomo atomizzato, 1959, bronzo, 239x130cm; MUVE – Ca' Pesaro – Galleria Internazionale d'Arte Moderna
Domenico Trentacoste, Figura con lampada, 1900, bronzo, 154x82cm; MUVE – Ca' Pesaro – Galleria Internazionale d'Arte Moderna
Arnaldo Pomodoro, Disco, 1965, bronzo, 62x60cm; MUVE – Ca' Pesaro – Galleria Internazionale d'Arte Moderna
Joseph Bernard, Ragazza con brocca, 1910, bronzo, 178x61cm; MUVE – Ca' Pesaro – Galleria Internazionale d'Arte Moderna
Constantin Meunier, Scaricatore, bronzo, 117x57cm; MUVE – Ca' Pesaro – Galleria Internazionale d'Arte Moderna

torna all'inizio del contenuto