Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoli

Pagina dei contenuti


sei in: Home » "Segni d'arte del nuovo millennio" alla Permanente
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare

Evento

4/2/2017

"Segni d'arte del nuovo millennio" alla Permanente

Il museo milanese espone le acqusizioni più recenti: novanta opere che offrono una panoramica della pittura e della scultura di ambito lombardo dalla seconda metà del Novecento ai giorni nostri

Mostra "Segni d'arte del nuovo milliennio", Museo della Permanente
Mostra "Segni d'arte del nuovo milliennio", Museo della Permanente

La rassegna “Segni d’arte del nuovo millennio”, a cura di Pino Di Gennaro, Barbara Pietrasanta, Luca Cavallini, dal 24 gennaio al 16 febbraio, è incentrata sulle acquisizioni più recenti del Museo della Permanente di Milano. In particolare, sono esposte circa novanta opere acquisite dall’ente nel corso dell’ultimo decennio: si tratta in diversi casi di opere inedite la maggior parte delle quali è stata donata direttamente dagli artisti, quasi tutti soci della Permanente.
 
Accanto alle donazioni da parte degli artisti, alcuni lavori sono stati donati al museo da collezionisti e galleristi, mentre altre opere sono frutto di lasciti testamentari, in particolare quello di Esterina Gorla De Paoli, con opere di Funi, Borra, Carpi, Tallone. Infine, un gruppo di opere, tutte sculture, è stato acquisito dal museo tramite i premi acquisto assegnati in occasione di rassegne-concorso organizzate negli ultimi anni alla Permanente.
 
La rassegna offre una panoramica ricca e articolata della pittura e della scultura di ambito lombardo dalla metà del Novecento sino ai giorni nostri, con opere che spaziano tra diversi movimenti e stili, dal figurativo all’informale, dalla Pop Art all’astrattismo. L’esposizione testimonia la crescita costante della collezione, che si arricchisce sempre di nuove opere che vanno a integrare il nucleo storico: oggi la raccolta vanta più di quattrocento opere tra dipinti, sculture e installazioni, oltre a un significativo nucleo di grafica.



Collegamenti

In rete