Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Ricerca per: IndiceArticoli

Pagina dei contenuti


sei in: Home » Bologna: la Raccolta Lercaro si arricchisce di quattordici vasi antichi
Esplora

Regioni

mappa regioni italiane Lombardia Valle D'Aosta Liguria Toscana Lazio Campania Sicilia Sardegna Calabria Puglia Umbria Emilia Romagna Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige Marche Abruzzo Basilicata Molise Piemonte

scegli la regione


Seguici su:




linkedin





slideshare

Notizia

8/1/2018

Bologna: la Raccolta Lercaro si arricchisce di quattordici vasi antichi

“Bianco latte, un colore per l’eternità. Vasi antichi dalla collezione d’arte del cardinale Giacomo Lercaro”, questo nucleo espositivo si inserisce, dal 22 dicembre scorso, come novità nel percorso permanente della Galleria d’arte moderna “Raccolta Lercaro”, a Bologna, che si arricchisce così di quattordici vasi antichi provenienti dalla collezione d’arte del cardinale Giacomo Lercaro. Si tratta di reperti della Puglia preromana, in ottimo stato di conservazione e verosimilmente derivanti da contesti funerari. Tre esemplari, in particolare, testimoniano la straordinaria raffinatezza figurativa e culturale di quest’area dell’Italia meridionale che, sul finire del IV secolo a.C., si concretizza in una produzione ceramica dai tratti originali. Il filo conduttore che dà il titolo all’esposizione e che ne restituisce il senso complessivo è rappresentato proprio dal colore bianco latte presente nelle decorazioni di questi tre crateri apuli collocabili tra la seconda metà del IV e l’inizio del III sec. a.C. e fulcro dell’esposizione. Fragile nella conservazione ma forte nell’impatto visivo, la tonalità bianca assume qui una valenza simbolica legata ai temi escatologici e alla concezione dell’individuo in relazione al passaggio dalla vita alla morte. Il progetto è frutto della collaborazione tra la Fondazione Lercaro, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna.



Collegamenti

In rete