Condividi
  • Facebook
  • Twitter
Notizia 1/8/2018

Firenze: “Tracce 2018”, nuovo allestimento alla Galleria del Costume

“Tracce 2018 – Lasciarsi guidare dalla Moda” è il titolo che racconta il nuovo allestimento della Galleria del Costume inaugurato lo scorso 16 luglio in Palazzo Pitti a Firenze. Il tema infatti accosta pitture e sculture provenienti dalla collezione della Galleria di Arte Moderna con abiti e accessori: non si tratta solo di alta moda, di pezzi unici, bensì, prevalentemente, del più agile pret-à-porter. Curato da Caterina Chiarelli e Simonella Condemi in continuità con l’allestimento precedente, questo è il secondo capitolo di una nuova serie di “allestimenti-mostra”, che si esprime lungo il percorso delle sale. La prima sala mantiene i colori di natura e fiori della precedente selezione, così come in questo spazio e nelle due sale antistanti l’ingresso rimangono i dipinti alle pareti. “Tracce”, perché tali sono quelle lasciate da tele e sculture moderne in questo discorso dedicato alla moda, in un rincorrersi di accostamenti, alcuni di naturale prossimità, e altri contrastanti, quasi di rottura. Fra i vari pezzi raccolti in questo nuovo allestimento, spicca, l’abito bianco dal tono madreperlaceo che Capucci realizzò, nell’1986, come costume della Vestale per la Norma di Bellini, che pare reinterpretare una sorta di nascita di Venere fra la schiuma delle onde del mare. Alla parete, in un dialogo tra bianchi, i candidi personaggi che stazionano in Eterno Idioma dipinto, nel 1899, da Giulio Bargellini. Nel percorso, inoltre, è stata creata una sezione dedicata al viaggio, e al galateo della moda legato ai mezzi di trasporto, che ha linee-guida proprie e che presenta abiti e accessori adatti ad essere indossati o riposti in valigia: cappelli, foulards, occhiali, guanti, oppure oggetti più singolari, come un contenitore per grucce pieghevoli, o un astuccio porta ombrello. E ancora borse e valigie, di ogni foggia e per ogni scopo, spaziando dal beauty case al porta biancheria di James Collard Vickery, alla valigia dei primi anni del Novecento.

In rete

torna all'inizio del contenuto