Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Luoghi della cultura; Oggetto fisico

Categoria:

Edifici/Strutture di difesa; Musei d'arte

Responsabile:

Responsabile: SOPRINTENDENZA BELLE ARTI E PAESAGGIO PER LE PROVINCE DI SASSARI, OLBIA-TEMPIO E NUORO

Il castello della Fava è situato su un'altura che sovrasta il centro di Posada, a poca distanza dal mare. Probabilmente già edificato nel XIII secolo, fu nel Medio Evo sede dei giudici di Gallura e di Eleonora di Arborea e sempre conteso a causa della sua posizione al confine tra i due giudicati. Quel che rimane del castello è oggi una torre a pianta quadrata e le rovine della cinta muraria, di forma quadrangolare. Il monumento deve il nome a una leggenda, secondo la quale sarebbe stata proprio una manciata di fave, data ad un piccione, ad ingannare intorno al 1300 i Saraceni che avevano cinto d’assedio Posada. Essi infatti, ritenendo erroneamente che gli assediati avessero ancora cibo, si ritirarono.

Note biglietteria: €1,50 (dai 12 ai 18 anni; gruppi oltre 20 persone).
Ingresso gratuito: sino agli 11 anni, diversamente abili e loro accompagnatori.

immagine

È riferito da:

consulta la scheda dell'Anagrafe Luoghi della Cultura
Comune di Posada
Portale Sardo
Sardegna Cultura
Immagine

È gestito da :

Gestore: Cooperativa Turulia

Fonte dati

Anagrafe Luoghi della Cultura

Identificatore: mus_7176

Diritti

Detentore dei diritti: Ente MiBAC

Informazioni

Colle di Posada, , - 08020, Posada (Nuoro), Sardegna - Italia

biglietteria: costo dei biglietti: € 2,50 - riduzioni: €1,50 (dai 12 ai 18 anni; gruppi oltre 20 persone). Ingresso gratuito: sino agli 11 anni, diversamente abili e loro accompagnatori. - orario: 9.00-13.00/15.00- 18.00 (invernale) Dalle 9.00 sino ad un’ora prima del tramonto (estivo)

Contatti: email: turulia@tiscali.it - tel: 347 4801421

Prenotazione: Nessuna

Servizi: Visite guidate



Documenti simili

Immagine

Castello della Lucertola - Apricale (Imperia)


oai:culturaitalia.it:museiditalia-mus_1178

Immagine

Castello della Zisa - Palermo (Palermo)


oai:culturaitalia.it:museiditalia-mus_9854

torna all'inizio del contenuto