Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Luoghi della cultura; Oggetto fisico

Categoria:

Musei; Edifici/Strutture di difesa

Il castello di Spadafora, probabilmente costruito alla fine del cinquecento intorno ad una torre difensiva dalla famiglia Spadafora per il controllo costiero e per la difesa del feudo di S. Martino, è stato oggetto di diversi studi e su di esso si è molto  scritto a partire l'architetto fiorentino Camillo Camiliani, soprattutto per quanto riguarda la data di costruzione. Nel ‘ 700 il fortilizio è stato trasformato in residenza nobiliare, forse da quello stesso Guttierez Spadafora le cui insegne araldiche, insieme al Branciforte, Moncada, Ruffo e Gatto, si associano nello stemma che sormonta il portale bugnato d'ingresso al castello, a testimoniare la supremazia di una famiglia dalle origini antichissime. Tutt’oggi è evidente che il Castello ha avuto una destinazione d’uso più residenziale che difensiva, infatti  fonti ufficiali annotano che  nel 1675 un gruppo di soldati francesi lo espugnarono in sole ventiquattrore. Tra il XVIII e XIX secolo l’edificio venne abbandonato ed ospitava occasionalmente reparti militari in transito tra Messina e Milazzo. Attualmente è aperto al pubblico per le visite e per le manifestazioni culturali.

immagine

È riferito da:

consulta la scheda dell'Anagrafe Luoghi della Cultura
consulta il sito web

Fonte dati

Anagrafe Luoghi della Cultura

Identificatore: mus_11005

Diritti

Detentore dei diritti: Regione

Informazioni

- Spadafora (Messina), Sicilia - Italia

orario: Tutti i giorni dalle 9,00 alle 19,00. Domenica e festivi su prenotazione

Biglietteria: costo dei biglietti: gratuito

Contatti: tel: 090 36894435

Prenotazione: Nessuna



Documenti simili

Immagine

Castello - Colloredo di Monte Albano (Udine)


oai:culturaitalia.it:museiditalia-mus_11470

Immagine

Castello Eurialo - Siracusa (Siracusa)


oai:culturaitalia.it:museiditalia-mus_10858

torna all'inizio del contenuto