Condividi
  • Facebook
  • Twitter

museo di locri

Tipo:

Luoghi della cultura; Ente/Istituzione

Categoria:

Musei

Responsabile:

Responsabile: POLO MUSEALE DELLA CALABRIA

Il Museo Archeologico Nazionale di Locri Epizefiri sorge ai confini dell'area sacra di Marasà, nelle immediate adiacenze del tratto d'angolo in cui le mura dopo il loro percorso parallelo alla costa prendono a svilupparsi verso le colline.

Situato presso il km. 95.000 della Strada Statale 106 "Jonica", il Museo venne realizzato su progetto dell'architetto G. De Franciscis ed aperto al pubblico nel 1971 con la denominazione di "Antiquarium di Locri".
E' una struttura di piccole dimensioni che si sviluppa essenzialmente su due livelli.

Nell'estate del 1998 l'Antiquarium viene elevato al rango di Museo Nazionale riconoscendo la fondamentale importanza dell'area archeologica di Locri Epizefiri nell'ambito del patrimonio culturale del nostro paese. Tale evento segna un momento importante per lo sviluppo dell'intera area archeologica che, nel più ampio progetto di istituzione del Parco Archeologico, viene significativamente ripensata anche per via delle nuove campagne di scavo che interessarono l'area romana della città antica.

Tali campagne di scavo, con i loro eccezionali ritrovamenti (quali, ad esempio, la statua detta del "Togato di Petrara") riproposero il problema di un'area espositiva museale che doveva essere, senza ulteriori attese, ampliata per poter permettere l'esposizione di un numero maggiore di reperti.

Venne, quindi, individuato all'interno dell'area archeologica un edificio privato, il "Casino Macrì", che realizzato tra il XVIII ed il XIX secolo ed adibito a masseria, inglobava ampie porzioni originali (persino una intera sala con copertura a volta) di una struttura di epoca romana e che, una volta acquisito e debitamente restaurato, avrebbe potuto ospitare, in un'ambientazione decisamente suggestiva, la collezione del periodo romano dei reperti provenienti dal territorio dell'antica Locri.

ll I livello sopraelevato è costituito dalla classica area espositiva nella quale trovano posto i reperti e le varie teche che li contengono, disposti secondo un criterio basato sul luogo di rinvenimento del manufatto; il secondo livello è uno spazio aperto che si sviluppa al di sotto del livello sopraelevato a formare quasi un portico nel quale trovano posto reperti di dimensioni maggiori quali sarcofagi, cippi funerari ed elementi architettonici di varia natura, tale spazio è stato inoltre utilizzato anche per conferenze e presentazioni relative all'attività archeologica sviluppatasi nel corso degli anni.

 

 

Informazioni:

orario: Martedì-Domenica 9.00-20.00 - chiusura settimanale: Lunedì
biglietteria: costo dei biglietti: 4,00 € - riduzioni: 2,00 €

Contatti:

responsabile: Rossella Agostino - email: pm-cal.locri@beniculturali.it - tel: +39 0964 390023 - fax: +39 0964 390023
prenotazione: Nessuna

Servizi:

Visite guidate

Ambito geografico:

contrada Masarà - 89044, Locri (Reggio di Calabria), Calabria - Italia

immagine

Immagini di anteprima

anteprima dell'immagine 1

Riferimenti

È riferito da: consulta la scheda dell'Anagrafe Luoghi della Cultura

Include: Museo Nazionale di Locri Epizefiri

Fonte dati

MuseiD-Italia / --Museo e Parco Archeologico Nazionale

Identificatore: mus_237

Diritti

Detentore dei diritti: Ente MiBAC



Documenti simili

Immagine

Museo e Parco archeologico nazionale di Scolacium

MuseiD-Italia
oai:culturaitalia.it:museiditalia-mus_159

Immagine

Parco archeologico nazionale dei Massi di Cemmo

MuseiD-Italia
oai:culturaitalia.it:museiditalia-mus_8173

torna all'inizio del contenuto