Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Luoghi della cultura; Oggetto fisico

Categoria:

Abitazioni; Musei d'arte

Responsabile:

Responsabile: POLO MUSEALE DEL PIEMONTE

Villa della Regina è un delizioso complesso di vigna e giardini fatto costruire sulla collina torinese, sul modello delle ville romane, dal principe Maurizio di Savoia, figlio di Carlo Emanuele I ad inizio Seicento. Nel 1657, alla sua morte, la moglie Lodovica amplia fabbricati e giardini, aggiornando decorazione ed arredi. Nel 1692 la Vigna passa ad Anna di Orleans, moglie di Vittorio Amedeo II, che dispone, in quella che ormai sarà chiamata Villa della Regina, importanti interventi.

Sotto la guida di Filippo Juvarra, e poi di Giovanni Pietro Baroni di Tavigliano, si ridefiniscono spazi e rapporti con il giardino. L'arredo e le decorazioni seicentesche vengono modificati con il coinvolgimento di grandi artisti all'opera, in quel periodo storico, nei cantieri regi della capitale del regno: Giovan Battista Crosato, Corrado Giaquinto, Giuseppe Dallamano.

Nel 1868, quando ormai i Savoia si sono trasferiti al Quirinale e Torino non è più capitale del Regno, il complesso viene donato all’Istituto per le Figlie dei Militari (ente soppresso nel 1975) che lo trasforma in una scuola per fanciulle; non viene meno però la sua unitarietà di vigna, poi villa con i padiglioni aulici, le grotte, i giochi d’acqua nei giardini e nel parco e le zone di servizio ed agricole.

Durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale la Villa subisce gravissimi danni e la mancata manutenzione del delicato equilibrio fra costruito e giardini, seguita da graduale abbandono, parziali smembramenti, interventi impropri, compromette lo straordinario complesso con un degrado prossimo al collasso.

Nel 1994 il complesso viene consegnato all’allora Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici del Piemonte. Iniziano i restauri realizzati con fondi statali, delle Fondazioni bancarie torinesi e di privati, che hanno ristabilito la situazione conservativa e la stretta connessione del Compendio di Villa della Regina con Torino.

Dall’ inizio del Seicento la Villa costituisce il fondale scenografico della città oltre il Po; dai suoi giardini è possibile ammirare il panorama che si estende dal fiume fino alla corona delle Alpi.

Informazioni:

orario: Martedì-Sabato, 10.00-17.00 (ultimo ingresso 16.00).Domenica e festivi, 10.00-18.00 (ultimo ingresso 17.00) - chiusura settimanale: lunedì
biglietteria: tel: +39 011 8194484 - fax: +39 011 8192199 - email: pm-pie.villadellaregina@beniculturali.it - costo dei biglietti: 5,00 € - riduzioni: 2,50 € 18-25 anni - orario: Martedì-Sabato 10.00-16.00; Domenica e festivi 10.00-17.00

Contatti:

responsabile: Alessandra Guerrini - email: pm-pie.villadellaregina@beniculturali.it - tel: +39 011 8194484
prenotazione: Facoltativa - email: pm-pie.villadellaregina@beniculturali.it - tel: +39 011 8194484

Servizi:

Sala per la didattica; Postazioni multimediali; Visite guidate; Sala convegni

Ambito geografico:

strada Comunale Santa Margherita, 79 - 10131, Torino (Torino), Piemonte - Italia



Documenti simili

Immagine

Villa della Regina, Torino

Touring Club Italiano
oai:touringclub.com:47862

Immagine

Torino. Villa della Regina

Istituto Centrale per la Storia del Risorgimento
oai:risorgimento.it:186604

Immagine

BERGOGLIO Carlo, La Villa della Regina

Fondazione Torino Musei
oai:gamtorino.it_GAM:16303

torna all'inizio del contenuto