Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Luoghi della cultura; Oggetto fisico

Categoria:

Edifici religiosi; Musei d'arte

Il nucleo originario del complesso è ravvisabile nell'impianto architettonico del cosiddetto oratorio del Crocifisso, un'aula voltata risalente forse al XII secolo. L'antico spazio sacro deve il suo nome all'affresco quattrocentesco miracoloso, ancora in loco e rimosso nel 1991 dal suo altare barocco, raffigurante una Crocifissione davanti alla quale, le suore benedettine in preghiera, videro sgorgare del sangue dal costato del Cristo. Le monache raccolsero il sangue in delle ampolline che, trafugate nel 1570 e portate a Venezia, vennero restituite alla città solo nel 1934.  Dal sacello del Crocifisso prese dunque avvio la costruzione del complesso. La chiesa dedicata a Santa Caterina, venne completamente ricoperta di eleganti e pregiati stucchi all'inizio del Settecento, ad opera del colto maestro Giovan Battista Gianni, proveniente da Cerano d'Intelvi e molto attivo in Abruzzo all'inizio del XVIII secolo. 

Informazioni:

orario: Aperto al pubblico

Contatti:

email: tommasoapostolo@gmail.com - tel: 085.90571 Municipio; 0872.712648 Curia
prenotazione: Nessuna

Ambito geografico:

Corso Garibaldi - 66026, Ortona (Chieti), Abruzzo - Italia

immagine

Immagini di anteprima

anteprima dell'immagine 1

Riferimenti

È riferito da: consulta la scheda dell'Anagrafe Luoghi della Cultura
Interno

Include: Chiesa di Santa Caterina

Fonte dati

MuseiD-Italia / --Chiesa di Santa Caterina

Identificatore: mus_9168

Diritti

Detentore dei diritti: Ente ecclesiastico o religioso



Documenti simili

Immagine

Chiesa di Santa Caterina

MuseiD-Italia
oai:culturaitalia.it:museiditalia-coll_738

Immagine

ANONIMO, Pisa - Chiesa di Santa Caterina/ facciata

Fondazione Torino Musei
oai:gamtorino.it_GAM:29112

torna all'inizio del contenuto