Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Oggetto fisico

Categoria:

Beni archeologici

Si accede all’area archeologica attraverso questo isolato luogo, ideale per la meditazione, in cui si è voluto riconoscere il complesso che le fonti ricordano come ispirato alla celebre «Stoà Poikile» (portico variopinto) di Atene, così chiamato perché accoglieva le produzioni artistiche dei più grandi pittori greci; si tratta di un monumentale quadriportico lungo 232 m e largo 97, delimitante un giardino con grande piscina rettangolare centrale; la parte settentrionale, di cui si conserva l'intero muro di spina (alto 9 m) con ingresso monumentale da una strada che si snodava da nord, era provvista di un doppio portico come testimoniano i sottoplinti situati sui due lati del muro, sui quali poggiavano le colonne, oggi sostituite da piante di bosso; la copertura del porticato era a spiovente, come si evidenzia osservando i grossi fori presenti nel muro di spina; per contenere il terreno in declivio nel lato ovest e in parte del lato sud, il Pecile è sostenuto da un'imponente sostruzione alla quale sono addossati oltre 160 ambienti estremamente poveri, distribuiti su più piani, che prendono il nome di Cento Camerelle ed erano forse adibiti a magazzini oppure ad alloggi per gli schiavi o per le guardie del corpo dell'imperatore; alle camerelle si accedeva grazie a un'unica apertura che ognuna aveva frontalmente su ballatoi esterni.

Ambito geografico:

largo Marguerite Yourcenar località Villa Adriana - Tivoli (RM)



Documenti simili

Immagine

Edifici romani - Villa Adriana -Tivoli- - Pecile

Biblioteca del Senato
oai:senato.it:EA378584C75F7BDCC1256F2600342036

Immagine

Tivoli. Villa Adriana. Muraglia del Pecile - Rovine

MuseiD-Italia
oai:culturaitalia.it:museiditalia-work_65702

Immagine

Alinari, Fratelli, Pecile o portico di Villa Adriana, a Tivoli

Archivio storico Alinari
oai:alinari.it:149439-fotografie

torna all'inizio del contenuto