Condividi
  • Facebook
  • Twitter

scomparto di polittico

Tipo:

Opere; scomparto di polittico; Oggetto fisico

Categoria:

Opere d'arte visiva

Autore:

Meo di Guido da Siena (1300 - 1350)

Le vicende storiche del polittico rimangono abbastanza incerte e per un loro riesame si rimanda a Santi (1969, pp.58-60) e Mencarelli (1994, pp.117 -119). Smembrato alla fine del XVIII secolo il polittico venne scomposto e pervenne alla quadreria dell'Accademia di Belle Arti con la demaniazione napoleonica del 1810, fatta eccezione per lo scomparto centrale e la predella che furono demaniati nel 1863, mentre le tavolette con le Sante Marta e Caterina d'Alessandria e lo scomparto con San Pietro Apostolo furono acquisiti in seguito ad acquisto da privati. L'opera è il numero fondamentale del catalogo di Meo, essendo l'unica firmata. Stilisticamente vi si colgono sviluppi e novità artistiche di ambiente senese (Carli 1972, p.7 e 11; Boskovits 1973, p.13; Fratini 1986, p.640; Mencarelli 1994, pp.117-119 con bibliografia precedente) collocabili intorno alla metà del secondo decennio del secolo. Questi elementi vengono rielaborati senza evidenti mediazioni e ciò induce a collocare il polittico in questo stesso arco cronologico
tavola centrale con arco a pieno centro a rilievo sorretto da colonnine.

Data di creazione:

1315 - 1318, sec. XIV; 1315 - 1318

Soggetto:

Madonna con Bambino
Personaggi: Madonna. Personaggi: Gesù Bambino.

Materia e tecnica:

tavola/ pittura a tempera

Estensione:

altezza: cm 105; larghezza: cm 54

immagine

Indirizzo:

Palazzo dei Priori, Corso Vannucci 19 - 06100 Perugia, Perugia (PG) - esposto sala 2,inv. 1 (1918)

Riferimenti

È riferito da: scheda iccd OA: 10-00016060-1

In: Galleria Nazionale dell'Umbria - Opere Esposte

Identificatore: work_15602

Diritti

Diritti: Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Detentore dei diritti: proprietà Stato



Documenti simili

torna all'inizio del contenuto