Condividi
  • Facebook
  • Twitter

dipinto

Tipo:

Opere; dipinto; Oggetto fisico

Categoria:

Opere d'arte visiva

Autore:

Giuliano di Simone da Luccaattribuito

A destra la Vergine è in ginocchio, in adorazione del Bambino disteso su un panno chiaro. Maria ha i capelli sciolti ed indossa una veste rossa con maniche tranciate attraverso le quali si intravede la camicia bianca. Dietro, entro una caverna, si trovano il bue e l'asinello con una mangiatoia di vimini intrecciati. Sopra la caverna è un albero. A destra compaiono un Santo barbuto, probabilmente Giuseppe, e due Sante, la prima, giovane, voltata indietro verso l'altra più anziana, genuflessa in atto di adorazione. In alto, verso il centro del riquadro affrescato compare la figura del Padreterno entro mandorla di cherubini seguito da un Angelo.
L'affresco è stato eseguito in due momenti cronologici distanti ma risulta iconograficamente unitario. Nell'artista più antico si è individuato Giuliano di Simone, pittore lucchese di fine trecento cui spetterebbe la zona destra dell'affresco nonché la cornice (cfr. Meloni 1971). L'artista, che nell'ultimo ventennio del XIV secolo accoglie spunti dall'arte di Spinello Aretino (attivo a Lucca a partire dal 1384), si caratterizza anche in questo caso per una corposa volumetria delle figure. Come osserva Linda Pisani (1998) le due figure femminili di destra, prive di aureole, dovrebbero essere due ancelle, menzionate nei testi apocrifi e non Sante o donatrici. La studiosa ravvede nella parte d'affresco ascrivibile al pittore uno 'spiccato neogiottismo' indicante una probabile datazione post 1391, anno in cui giunge a Lucca il trittico di Spinello per la chiesa di S. Andrea. Ad un artista di fine '400 compete la zona sinistra, con l'adorazione della Vergine e la caverna. L'Anonimo risulta esecutore di alta qualità, dal tratto fine ed elegante stesura pittorica, caratterizzata da sapienti passaggi chiaroscurali e buona resa naturalistica (si veda il bellissimo brano del bue e dell'asinello). La lumeggiatura, estremamente ampia, caratterizzata da zone di tempera chiara e da tocchi veloci sulle superfici cangianti come i capelli o la paglia, denuncia la presa visione della pittura a fresco di Domenico Ghirlandaio. Il pittore avrebbe potuto gravitare presso la bottega di Vincenzo Frediani, artista sensibile alle suggestioni stilistiche del Bigordi. Nella cerchia del Frediani l'Anonimo sembra trovare consonanze con il 'Pittore di Paolo Buonvisi', che certi propongono di identificare coi momenti migliori del Frediani stesso. Le vicinanze stilistiche coi maestri di fine Quattrocento e le suggestioni ghirlandaiesche e in parte filippinesche sottese al brano qua analizzato spingono per una datazione al IX decennio.

Data di creazione:

sec. XIV; 1390 - 1399

Soggetto:

natività di Gesù
Personaggi: Maria; Gesù; San Giuseppe; Padreterno. Animali: bue; asinello.

Materia e tecnica:

intonaco/ pittura a fresco

Estensione:

altezza: cm 283; larghezza: cm 337.8

immagine

Indirizzo:

Museo Nazionale di Villa Guinigi, Villa Guinigi, via della Quarquonia, Lucca (LU) - sala XI, inv. 464/ 2 (1970)

Riferimenti

È riferito da: Scheda ICCD OA: 09-00523885

In: Museo Nazionale di Villa Guinigi

Identificatore: work_93653

Diritti

Detentore dei diritti: proprietà Ente pubblico territoriale, Comune di Lucca



Documenti simili

Immagine

Francesco di Valdambrino, Gesù Bambino - Siena (Siena)


oai:culturaitalia.it:museiditalia-work_57217

torna all'inizio del contenuto