Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Collezioni; Collezione

Categoria:

Opere d'arte visiva

La raccolta è costituita da circa 400 dipinti e 2000 incisioni.
I Musei Civici di Lecco hanno realizzato alla fine degli anni Settanta la ricognizione e la prima organizzazione sistematica del proprio patrimonio storico-artistico, fino ad allora sparso disordinatamente in varie sedi comunali e cantine, in contesti in cui non erano agevolmente applicabili norme di sicurezza, tutela e conservazione. Le prime operazioni promosse sono state l'inventariazione di tutti i beni e la catalogazione cartacea di una parte del proprio patrimonio storico- artistico, scelto in base a criteri di unicità e urgenza determinati dallo stato di conservazione. La Soprintendenza ai Beni Storico-Artistici di Milano ha seguito l'intero progetto, condotto secondo la normativa ICCD, e comprendente la campagna fotografica del patrimonio censito. Alla luce dei nuovi studi e delle nuove necessità di ricerca si è reso necessario procedere alla ricognizione dell'intero patrimonio catalografico e inventariale del Museo secondo un progetto pluriennale per la realizzazione di un catalogo aggiornato secondo gli standard SIRBeC di Regione Lombardia, per riorganizzare i dati, agevolare la consultazione e procedere alla messa in rete delle informazioni. Con cofinanziamento SIRBec nel 2004 è stato avviato il progetto di normalizzazione, informatizzazione e aggiornamento del catalogo dei beni storico-artistici.
Posta al secondo piano di Villa Manzoni, la Galleria Comunale d'Arte espone al pubblico una selezione di opere facenti parte delle collezioni artistiche dei Musei Civici, composte da quattrocento dipinti e duemila incisioni. Il percorso espositivo è strutturato per ambiti tematici e periodi cronologici e tutti i dipinti sono stati esposti con cornici coeve. La sala I espone una selezione di opere di scuola lombarda del XVIII e XVIIII secolo. Nella sala II sono presentate nature morte e pitture di genere del XVIII secolo. La sala III espone una selezione di ritratti dell'Ottocento con i consueti soggetti borghesi. Nella sala IV il tema è il paesaggio dell'Ottocento, con interessanti immagini lecchesi di Massimo Taparelli d'Azeglio (1798-1866), genero di Alessandro Manzoni, Carlo Pizzi (1842-1909), e Giovan Battista Todeschini (1857 - 1938). Il paesaggio lecchese del Novecento è presentato nella sala V, dove sono esposte le opere premiate alla IV Quinquennale di Lecco (Donato Frisia, Raffaele De Grada, Ugo Bernasconi, Angelo Del Bon, Cesare Breviglieri, Umberto Lilloni, Orlando Sora) e 'La forgiatura' di Arturo Colombo. Nella sala VI sono raccolti lavori dei più rappresentativi pittori lecchesi contemporanei (Giancarlo Vitali, Alfredo Chiappori, Franco Alquati, Gianni Secomandi, Tino Stefanoni). La prima galleria che corre intorno al portico espone invece le opere di importanti artisti italiani contemporanei, donate nella manifestazione 'Città di Lecco per l'Arte': Enrico Castellani, Emilio Scanavino, Giò Pomodoro, Enrico Baj, Piero Dorazio, Emilio Sangregorio, Alik Cavaliere, Gianni Bertini, Jiri Kolar. Nella successiva sala VII è esposta una collezione di pizzi dell'800 e dei primi 900 donata dai club di servizio cittadini Inner Wheel e Soroptimist. La metà dei beni che compongono le raccolte è costituita da un'importante collezione di stampe, incisioni e acqueforti risalenti al XVIII- XIX secolo di vario genere (paesaggio lecchese, soggetti manzoniani, mitologici e sacri), e comprende anche una preziosa serie di incisioni riproducenti "I Fasti di Napoleone" di Andrea Appiani e numerose vedute di Venezia di Luca Carlevarijs. Il restante patrimonio è costiutito da dipinti, per lo più oli su tela e alcune tempere, provenienti oltre che dai lasciti citati dalle esposizioni "Quinquennali" che si tennero a Lecco negli anni Trenta-Quaranta. In questo importante nucleo è rappresentato il paesaggio lecchese di quegli anni e vede la partecipazione dei più importanti artisti lombardi del tempo: De Grada, Frisia, Morlotti. Le altre opere, risalenti al XVII e il XIX secolo, sono state realizzate in ambito locale e lombardo - milanese, bergamasco, bresciano - e rappresentano una collezione omogenea e ben articolata di opere di buon livello a testimonianza di una diffusa scuola di pittura lombarda. Inoltre le opere rappresentati il paesaggio lecchese e l'iconografia manzoniana soprattutto presentano un carattere di unicità a livello nazionale.

immagine

Consulta le opere della collezione

Visualizza tutte le opere

Indirizzo:

Musei Civici di Lecco - Galleria Comunale d'Arte, Via Guanella, 1 - Lecco (LC)

Identificatore:

coll_29

Riferimenti

È riferito da: scheda SIRBeC COL: COL-LMD20-0000011

In: Galleria comunale d’arte di Lecco



Documenti simili

Immagine

Galleria comunale d’arte di Lecco - Lecco (Lecco)


oai:culturaitalia.it:museiditalia-mus_7552

torna all'inizio del contenuto