Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Opere; disegno; Immagine fissa

Categoria:

Disegni

Autore:

Piola Domenico

Riccardo Lampugnani ha acquistato questo interessante studio per soffitto in una data certamente anteriore al 1973: una foto del disegno, scattata nel mese di aprile di quell'anno, è infatti conservata nell'album D. 11. Il collezionista ha annotato, accanto alla foto, una proposta di attribuzione a padre Andrea Pozzo e un possibile confronto con gli affreschi di Mondovì (pubblicati in L. Mallé "Le arti figurative in Piemonte", p. 269); un altro appunto riferisce il suggerimento di Mercedes Viale Ferrero, che pensava ad un artista vicino a Daniele Seyter; ma nessuno dei due nomi,a mio parere, può essere confermato. Il dsegno, di qualità raffinatissima, è un documento raro: due mani diverse hanno realizzato la complessa struttura architettonica, cesellata fin nei più minuti dettagli decorativi, e l'elegante allegoria del "Carro del Sole" accompaganto dal "Tempo", con quelle figure guizzanti e sinuose rapidamente delineate a penna e modellate, con morbidezza, a pennello ed acquerello grigio; al modo che usa, ad esempio, Domenico Piola nello studio per la "Allegoria del Tempo" di Palazzo Baldini a Piacenza, del 1685 circa (cfr. E.Gavazza "Lo spazio dipinto. Il grande affresco genovese nel '600", Genova 1989, p. 192, n° 282); o, ancora, nel disegno preparatorio per l'abside della chiesa di San Leonardo a Genova, assai simile a questo della collezione Lampugnani per la tecnica usata (cfr. "Genovesi a Milano. Disegni di Palazzo Rosso e dipinti di Brera", a cura di P. Boccardo, catalogo della mostra, Milano 2000, p. 39, n°49). La macchina complessa della quadratura architettonica, articolata su diversi registri sovrapposti, ornata finemente di cornici dentellate, conchiglie e volute, e accuratamente calibrata nell'alternarsi di cavitè e sporgenze, è assai vicina, mi sembra, alle cose sicure di Andrea Sighizzi (o Seghizzi; Bologna 1613-post 1684), pittore bolognese che, sul finire del XVII secolo, è frequente collaboratore dei figuristi genovesi: di Valerio Castello, ad esempio, nel palazzo genovese di Francesco Maria Balbi (Gavazza cit., 1989, p. 20); di Domenico Piola, appunto, e di Gregorio de Ferrari in Villa Balbi allo Zerbino, verso il 1683 (Gavazza cit., pp. 136-143). Il progetto della raccolta Lampugnani è quindi, a mio avviso, da collocare nell'ambito della grande dcorazione genovese della fine del '600: di Piola e di Seghizzi, in particolare; anche se per il momento, purtroppo, non è stato possibile trovare riscontri esatti nella produzione dei due pittori; restano, assai sensibili, le affinità, tali da giustificare, mi sembra, una prima proposta di attribuzuione.

Data di creazione:

1675 ca. - 1699 ca.; sec. XVII, ultimo quarto; 1675 - 1699

Soggetto:

Quadratura architettonica/ Carro del sole e e allegoria del Tempo

Materia e tecnica:

carta/ penna/ inchiostro/ acquerellatura

Estensione:

altezza: mm 345; larghezza: mm 322

immagine

Indirizzo:

Museo Poldi Pezzoli, via Manzoni, 12 - Milano (MI), Italia, inv. 4829 (1997) - proprietà privata

Riferimenti

È riferito da: scheda ICCD D: 0301938444

In: Collezione di disegni di Riccardo Lampugnani del Museo Poldi Pezzoli

Identificatore: work_2739



Documenti simili

Immagine

Carro - Firenze (Firenze)


oai:culturaitalia.it:museiditalia-work_48946

Immagine

Carro nuziale, Carro nuziale


oai:culturaitalia.it:museiditalia-work_97667

torna all'inizio del contenuto