Condividi
  • Facebook
  • Twitter

Tipo:

Opere; dipinto; Immagine fissa

Categoria:

Pittura

Autore:

Guido di Pietro detto Beato Angelico

Opera sacra a destinazione privata. Il roseto e il prato hanno valore simbolico, connesso col tema della Madonna dell'Umiltà o della Madonna del Prato. La tavola è citata sia da G. Lochis nel 1834 ("Beata Vergine col divin figlio e quattro Angeli, due de' quali sostengono un aureo manto dietro la Madonna, ed altri due al basso suonano strumenti. Il fondo del quadro è molto ornato con marmi, fiori, ecc...) che da G. Morelli nel 1864 ("60 Vero, ma molto / e male ristaurato"). La cornice del XX secolo è in listello ligneo dorato con vetro. Recentemente (2005) l'opera è stata riferita a Benozzo Gozzoli. Il gruppo degli angeli è molto simile a quello presente nel dipinto raffigurante la "Madonna col Bambino e cinque angeli" attribuito a Beato Angelico e conservato alla Fondazione Thyssen di Lugano.

Data di creazione:

1440 ca.; sec. XV; 1440

Soggetto:

sacro
Madonna dell'Umiltà

Materia e tecnica:

tavola/ pittura a tempera

Estensione:

altezza: cm 34.7; larghezza: cm 29.4

immagine

Indirizzo:

Accademia Carrara - Museo, Piazza Giacomo Carrara, 82 - Bergamo (BG), Italia, inv. 81LC00202 (1881) - proprietà Comune di Bergamo

Data di modifica:

1914; 1932; 1948; 1974

Riferimenti

È riferito da: scheda ICCD OA: 0302024518

In: Fondo Lochis

Identificatore: work_404



Documenti simili

Immagine

Lorenzo Veneziano, Madonna dell'Umiltà - Lovere (Bergamo)


oai:culturaitalia.it:museiditalia-work_536

torna all'inizio del contenuto